CARNEVALE
HomeEventiCarnevale

"Culture in maschera": a Palermo il Carnevale si festeggia al museo, le attività

Balarm
La redazione

Bambini in visita all'Orto Botanico di Palermo

In occasione delle feste di Carnevale, Coopculture organizza due attività didattiche per bambini e bambine nel week end del 10 e 11 febbraio a Palermo.

Due appuntamenti, pensati per bambini dai 5 ai 10 anni, che si svolgono al Museo Salinas e all'Orto Botanico di Palermo.

Ecco il programma nel dettaglio.

Sabato 10 febbraio
Museo archeologico Antonio Salinas - ore 16.00
ArcheoGame in maschera
In occasione del Carnevale una divertente visita gioco all'interno del museo più antico della Sicilia. Un'avvincente visita didattica in stile caccia al tesoro, che illustra la storia del museo archeologico Salinas e dei suoi antichi reperti.

A suon di rime e indovinelli verranno raccontati i miti, le vicende, gli aneddoti di personaggi e oggetti dell'antichità. I bambini durante la visita gioco potranno sfoggiare i loro costumi di carnevale. È vietato introdurre coriandoli e/o festoni di ogni tipo all’interno del sito.
(attività per bambini da 5 a 10 anni)
Biglietti: 10 euro (acquistabili online)

Domenica 11 febbraio  
Orto Botanico di Palermo - ore 10.30
Tutti i colori delle foglie. Gli acchiappasole di Carnevale
Una divertente attività manuale e creativa in occasione del carnevale all'interno dell’Orto botanico, per bimbi e bimbe dai 5 ai 10 anni.

Dopo una visita didattica all'interno dell'Orto Botanico in compagnia di un operatore specializzato CoopCulture, i bambini e le bambine si appresteranno alla realizzazione di uno speciale "acchiappa sole" di carnevale, un magico oggetto realizzato con leggera carta colorata e sagome di foglie autunnali.
Biglietti: 10 euro (bimbi), 5 euro (adulti accompagnatori) - (biglietti acquistabili online)
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE