TEATRO E CABARET

HomeEventiTeatro E Cabaret

"I Beati Paoli" sul palcoscenico: l'opera di Luigi Natoli in scena al Teatro Don Bosco di Palermo

  • Teatro Don Bosco Ranchibile - Palermo
  • 13 novembre 2021 (evento concluso)
  • 21.00
  • 12 euro (intero), 10 euro (ridotto per bambini fino ai 13 anni e per disabili)
  • Biglietti acquistabili tramite le pagina Facebook e il profilo Instagram della compagnia "Araldo del Vespro" o chiamando i numeri 380 3645917 e 389 1212319
Balarm
La redazione

"I Beati Paoli" della Compagnia teatrale Araldo del Vespro

Misteri, vendette, amori, intrighi.

Tutto questo è “I Beati Paoli”, l’opera di Luigi Natoli che approda, per la prima volta, in versione integrale, sul palcoscenico, per la regia di Giuseppe Bongiorno della Compagnia Teatrale “Araldo del Vespro”.

L'appuntamento è sabato 13 novembre, alle 21.00, al Teatro Don Bosco Ranchibile a Palermo.

Una setta segreta al centro del romanzo di appendice scritto tra il 1909 e il 1910, e pubblicato a puntate sotto lo pseudonimo di William Galt sul "Giornale di Sicilia".

È il 1713, quando, a Palermo, si narra la storia, tra gli altri, del coraggioso Blasco da Castiglione, della bella e passionale donna Gabriella, dell’ingenua Violante e del misterioso Coriolano della Floresta.

Alle loro spalle, però, sono sempre presenti loro: i Beati Paoli. Ma chi sono? Da qui, la trama si dirama in un intreccio fatto di intrighi e segreti che, pian piano, vengono svelati.

I costumi e le scenografie, realizzati dalla compagnia teatrale, rispecchiano lo stile e la moda settecentesca. Si possono ammirare lo stile francese, ma anche quello spagnolo con un tocco di modernità.

In scena anche le coreografie eseguite sulle note della voce di Rosa Balistreri: i suoi brani, infatti, accompagnano i momenti più salienti della trama, rendendoli ancora più emozionanti.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE