CARNEVALE
HomeEventiCarnevale

Il Carnevale al Conca D'Oro: due giorni di sfilate in maschera per grandi e bambini

Balarm
La redazione

Carnevale al Conca d'Oro

Esagerato, colorato e irriverente. Il carnevale bussa alle porte del centro commerciale "Conca D’Oro" e lo fa con le sue più belle maschere e due giorni di grande divertimento.

Un'occasione per essere proiettati nelle atmosfere tipiche di questo periodo e visitare in una nuova veste il centro commerciale di via Lanza di Scalea a Palermo.

Sabato 10 e domenica 11 febbraio è tempo di Carnevale al Conca d'Oro. Due giorni di festa, maschere colorate e tanto divertimento per grandi e bambini.

In vista del martedì grasso che segna la fine del Carnevale e che quest'anno cade il 13 febbraio, il centro commerciale ha organizzato infatti un week end per tutta la famiglia. 

Sabato 10 febbraio, a partire dalle 17.00, l'appuntamento è in piazza Centrale dove i bambini (fino a 5 anni) sono i protagonisti della favola, con la sfilata più colorata dell'anno che si muove tra le gallerie del centro commerciale. 
Adv
Protagonisti i più piccoli che, vestiti in maschera, potranno esibirsi in divertenti performance accompagnati da abili animatori.

Domenica 11 febbraio, invece, spazio a tutti in piazza Centrale dove piccoli e adulti (da 6 a 99 anni) possono prendere parte e divertirsi nella grande sfilata in maschera organizzata per l'occasione.

Come partecipare
Partecipare è semplicissimo e gratuito

Basta prenotarsi o registrarsi online tramite il Conca d'Oro Club e presentarsi il giorno stesso della sfilata, mostrando il proprio codice di prenotazione al personale che vi aspetta in Piazza Centrale.

Nel corso della manifestazione i negozi sono aperti con l'orario consueto, tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00, mentre l'area ristorazione è aperta fino alle ore 23.00.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE