MOSTRE

HomeEventiMostre

Il linguaggio dei sensi che cura l'anima: la collettiva "Sinestesie cromatiche" a Palermo

  • Dictinne Bobok - Palermo
  • Dal 8 al 15 giugno 2019 (evento concluso)
  • Visitabile tutti i giorni dalle 16.00 alle 20.00
  • Ingresso gratuito
Balarm
La redazione

Dipinto di Rosa Anna Argento (part.)

La sinestesia cromatica è un fenomeno che consiste nell'acquisire un colore in risposta ad uno stimolo uditivo. Un fenomeno che dimostra il collegamento tra i vari sensi (in questo caso udito-vista). 

Sara Mineo, Rosa Anna Argento ed Enzo Argento, affermati da tempo nel panorama artistico italiano, hanno stabilito un file rouge tra le loro opere realizzando una mostra che possa rappresentare informazioni provenienti da un senso all'altro, facilitando gli usi figurati del linguaggio. 

"Sinestesie Cromatiche", a cura di Marisa Russo, sempre alla ricerca di artisti in sintonia con i principi dell'associazione Dictinne Bobok, sarà fruibile fino al 15 giugno, ad ingresso gratuito, tutti i giorni dalle 16 alle 20. 

L'artista Rosa Anna Argento opera attivamente tra la Sicilia e la Lombardia. Poliedrica e versatile si distingue nella categoria pittorico-figurativa e nella poesia, riscontrando numerosi riconoscimenti.

Fashion designer, utilizza il patrimonio artistico per ricreare decori dipinti su seta. Nella pittura, esprime la visione socratica dell'arte interpretando con enfasi la filosofia della società contemporanea.

Consegue il primo "Premio Internazionale di pittura Giglio Blu" di Firenze con l'opera "Stupor Mundi" esposta alla "Settimana Federiciana delle culture" di Enna. 

Il partenope Enzo Argento, vive a Palermo e dimostra sin da giovane, con la sua attività di pittore e scultore, di possedere un forte carisma artistico.

Conteso in diversi stati europei, nel suo curriculum artistico compare anche la figura di compositore e regista teatrale.

Sua è la statua in bronzo "L'Attesa" posta a Palermo in piazza Acquasanta. Nel '78 riceve la medaglia d'oro con la nomina di "Accademico d'Italia" per la sua particolare attività nel settore delle arti.

Nel 1981 riceve il "Grand Trophee D'Europe", il più importante riconoscimento europeo per coloro che si sono maggiormente distinti nel mondo dell'arte. 

L'artista palermitana Sara Mineo si forma alla scuola dei pittori Giambecchina e Laura Giambarresi, dello scultore Disma Tumminello, dello storico Giovanni Agnello e del critico Franco Grasso.

Nel 2006 inizia a frequentare l'Accademia di Belle Arti dove sperimenta diversi linguaggi e tecniche. Nel 2014 espone la sua prima personale "Io e l'arte" a Villa Niscemi e nel 2015 la seconda esposizione "Arte che passione" all'associazione culturale Dictinne Bobok. 

Tutti i suoi lavori evocano una mediterranea classicità. Con la sua pittura emozionale, riesce a raccontare la bellezza del Creato. Le sue opere si trovano alla Fondazione Giovanni Falcone, Piccolo Museo Al-Cantara in Randazzo, associazione "La matita" di Valledolmo e al Comune di Amatrice.

Dictinne Bobok

Via Nicolò Garzilli 28 - 90141 Palermo
Vedi mappa

eventi consigliati