MOSTRE

HomeEventiMostre

La Sicilia come metafora del mondo: gli artisti Sheidlin e Cicconi per "RES.IN" a Palazzo Imperatore

  • RES.IN "residenze internazionali"
  • Palazzo Imperatore, Via Vittorio Emanuele 484 - Palermo
  • Dal 28 maggio al 1 luglio 2021 (evento concluso)
  • Visitabile su appuntamento
  • Ingresso su prenotazione
  • Per info e prenotazioni su appuntamento inviare una email a res.in.sicilia@gmail.com
Balarm
La redazione

Ellen Sheidlin ed Edoardo Dionea Ciccon per RES.IN "residenze d'artista"

La Sicilia conquista proprio tutti. Anche gli artisti internazionali, che negli ultimi anni hanno saputo apprezzare e valorizzare il territorio. 

Tra coloro che si sono lasciati travolgere dal fascino autentico di questa isola, spicca Edoardo Dionea Cicconi (Roma, 1985), ormai palermitano d'adozione, che con il suo progetto RES.IN "residenze internazionali" punta a costruire una rete di scambi tra nuove generazioni di artisti del panorama contemporaneo. 

Realizzato con il contributo dall'Assemblea Regionale Siciliana e in collaborazione con la Scuola Gibel, mette in mostra il risultato della residenza che ha visto collaborare Ellen Sheidlin ed Edoardo Dionea Cicconi, da venerdì 28 maggio a giovedì 1 luglio, nelle sale di Palazzo Imperatore (corso Vittorio Emanuele 484), sede dello studio dell'artista romano, arrivato a Palermo nel 2018.

Questa è la prima edizione di "RES.IN", che si propone di proseguire il proprio programma con un ciclo di quattro residenze multidisciplinari nel corso del 2021.



Palermo, dunque, diventa crocevia del Mediterraneo. Un luogo ideale per un progetto di contaminazione, dove artisti provenienti da diversi Paesi del mondo, da diversi ambiti dell'arte contemporanea e della musica, si incontrano per lavorare a stretto contatto.

Anche il contesto storico ed architettonico della città e di Palazzo Imperatore, dimora cinquecentesca affacciata sull'eclettica Cattedrale di Palermo, diventa il presupposto per un'indagine visiva sulla città attraverso l’interazione tra i luoghi ed i linguaggi dei due artisti. 

Ellen Sheidlin (Saratov, Russia, 1994), artista concettuale di San Pietroburgo, apre il programma di RES.IN “residenze internazionali”, trovandosi a vivere una Palermo inedita durante il lockdown. Ellen lavora combinando mondo onirico, realismo e virtuale in uno stile che definisce "survirtualism", in cui fotografie, video e pittura si mischiano e confondono in chiave multimediale.

Durante la residenza, l’artista ha realizzato una serie di opere site-specific, frutto di performance in cui essa stessa è protagonista. Queste immagini vengono realizzate attraverso tecniche analogiche e non digitali. L’assurdo e l’impossibile si reificano in un'ottica DIY (do it yourself), dove tutto è reale. In mostra, accanto al lavoro individuale di ciascun artista, saranno presenti i lavori che i due artisti hanno realizzato insieme durante RES.IN #01: opere uniche sintesi delle loro visioni e delle loro ricerche legate al territorio siciliano. 

Anche Cicconi, affrontando tematiche universali, sperimenta nuove tecniche, utilizzando materiali innovativi e realizzando installazioni, sculture, audio e altri media, che portano lo spettatore in una dimensione atemporale.

Interessandosi alla percezione della luce e alla geometria degli elementi nello spazio, l'artista studia le forze che governano la realtà, tentando di trovare una sintesi tra Arte e Scienza.

La sua ricerca, tesa all’interazione con lo spettatore, indaga la percezione del tempo attraverso specchi cinetici. Queste opere, che l’artista chiama kinetic mirrors, interagiscono con lo spazio circostante, dunque anche con le opere dell’artista russa, distorcendo la realtà come in un buco nero. 
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE