MUSICA E DANZA
HomeEventiMusica E Danza

La "stella" internazionale del basso elettrico a Palermo: Kinga Glyk tra jazz, blues e funky

  • Real Teatro Santa Cecilia - Palermo
  • Dal 5 al 7 aprile 2024 (evento concluso)
  • 19.00 e 21.30 (venerdì e sabato), 17.00 e 19.30 (domenica)
  • Da 22 a 26 euro (under30), da 24 a 28 euro (intero)
  • Gli abbonamenti e i biglietti singoli possono essere acquistati online sul portale Bluetickets (acquista abbonamenti online) oppure direttamente nei due punti di prevendita: uno presso il Real Teatro Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia 5, telefono 091 8875201, 091 8875119, aperto dal martedì al sabato, dalle 9.30 alle 12.30) e uno presso Santa Maria dello Spasimo (via dello Spasimo 15 – telefono 091 7782860 o 091 7782861, aperto dal lunedì al venerdì, dalle 15.30 alle 19.30). Info ai numeri 091 7782860 o 334 7391972, scrivere via mail a info@thebrassgroup.it o consultare il sito web della Fondazione e la pagina Facebook
Balarm
La redazione

Kinga Glyk

Prosegue il ricco cartellone della nuova stagione del Brass Group che porta al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo brani, partiture, arrangiamenti, orchestrazioni, aneddoti, produzioni originali e prime assolute che identificano la realtà di ben 50 anni di vita.

Sul palco del Real Teatro Santa Cecilia di Palermo arriva Kinga Glyk con il concerto dal titolo "Real Life" che va in scena venerdì 5 e sabato 6 aprile, alle 19.00 e alle 21.30, e domenica 7 aprile, alle 17.00 e 19.30.

Ad appena 11 anni Kinga suonava nella band di famiglia, a 18 era leader di un proprio gruppo e due anni dopo, quando nel 2017 sbalordisce anche il pubblico palermitano, era già una stella internazionale del basso elettrico.

Grazie anche al successo planetario riscosso su YouTube da una sua stupefacente cover solistica della celebre “Tears in heaven” di Eric Clapton.

«Non ho mai capito perché mi affascinasse tanto uno strumento così maschile – confessa la giovane musicista polacca – Forse perché sono stata sempre attratta fin da bambina dalle note basse». Quale che sia la ragione intima di questa istintiva passione, oggi Kinga Głyk è un talento consolidato del jazz europeo.
Adv
La sua musica è un’emozionante miscela di jazz, blues e funky e la sua tecnica virtuosistica, che lei stessa dichiara ispirata a riferimenti assoluti come Niels-Henning Ørsted Pedersen, Jaco Pastorius, Pino Palladino, Marcus Miller, Victor Bailey, Christian McBride e Avishai Cohen, non manca di stupire per la scioltezza e la musicalità con cui dalle quattro corde riesce a trarre ogni sorta di ritmi, melodie e armonie. 

INFO BIGLIETTI E ABBONAMENTI
Gli abbonamenti e i biglietti singoli possono essere acquistati online sul portale Bluetickets (acquista abbonamenti online) oppure direttamente nei due punti di prevendita: uno presso il Real Teatro Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia 5, telefono 091 8875201, 091 8875119, aperto dal martedì al sabato, dalle 9.30 alle 12.30) e uno presso Santa Maria dello Spasimo (via dello Spasimo 15 – telefono. 091 7782860 o 091 7782861, aperto dal lunedì al venerdì, dalle 15.30 alle 19.30).

Il costo dell'abbonamento intero è così suddiviso: 175 euro (intero platea), 150 euro (intero tribunetta) e 140 euro (intero balconata); quello intero per il turno di venerdì alle 19.00 costa 145 euro (platea), 125 euro (tribunetta), 115 euro (balconata).

L'abbonamento ridotto Under30 ha i seguenti costi: 150 euro (ridotto platea), 130 euro (ridotto tribunetta), 120 euro (ridotto balconata); mentre quello ridotto under30 per il turno di venerdì alle 19.00 costa: 125 euro (platea), 115 euro (tribunetta), 105 euro (balconata).

I costi del biglietto singolo intero sono: 28 euro (intero platea), 26 euro (intero tribunetta), 24 euro (intero balconata); mentre il singolo ridotto Under30: 26 euro (ridotto platea), 24 euro (ridotto tribunetta), 22 euro (ridotto balconata).
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE