LE VIE DEI TESORI

HomeEventiLe Vie Dei Tesori

La via Marmorea, Art Noveau e i Cartari: le tre passeggiate (guidate) del week end con "Il Genio di Palermo"

  • Le Vie dei Tesori
  • Vari luoghi - Palermo
  • 28 maggio 2022 (evento concluso)
  • Consulta il programma nell'articolo
  • 6 euro
  • Tutte le passeggiate sono accessibili ai disabili. Per maggiori informazioni consultare il sito delle Vie dei Tesori o chiamare al numero 091 7745575 (dal lunedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00)
Balarm
La redazione

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Porta Nuova, Palermo

Sono tre le passeggiate in programma nell'ambito del secondo week end - 28 e 29 maggio - del festival "Il Genio di Palermo" che apre circa 15 luoghi in città proponendo varie esperienze.

Si tratta di tre passeggiate guidate da professori universitari ed esperti che si svolgono tutte nella giornata di sabato 28 maggio e che vedono protagonista Palermo da diversi punti di vista. 

Palermo e la genialità dell'art nouveau
ore 10.00 (Piazza Castelnuovo, lato Palchetto della Musica) 
Accessibile ai disabili
Biglietto (6 euro) acquistabile online nella pagina dedicata alla passeggiata

Lo storico dell’arte Emanuele Drago conduce i partecipanti tra le volute e gli arabeschi della Palermo Liberty per una passeggiata alla scoperta della figura geniale di Ernesto Basile, massimo rappresentante del liberty nella nostra città e figlio dell’architetto G. B. Filippo Basile, colui che diede inizio all’edificazione del teatro Massimo.



Lo stile Liberty, denominato anche Art Nouveau, fu l’espressione di una nuova temperie sia economica sia culturale, temperie che vide protagoniste le migliori famiglie borghesi di fine Ottocento e inizio Novecento, le quali vollero dimostrare la propria prosperità mediante la costruzione di palazzi, ville e villini, ubicati non unicamente all’interno dell’ex Firriato di Villafranca, ma anche in via Dante (allora denominata via dell’Esposizione) in via Roma e a Mondello.

La città palinsesto: una passeggiata tra spazi pubblici e monumenti lungo la via Marmorea
ore 10.00 (Porta Nuova, lato piazza Indipendenza)
Accessibile ai disabili
Biglietto (6 euro) acquistabile online nella pagina dedicata alla passeggiata

Inizia da porta Nuova la passeggiata guidata dagli architetti Giuseppe Abbate e Sofia Di Fede che conducono i partecipanti alla scoperta della "città palinsesto",attraverso i luoghi istituzionali più significativi per la storia di Palermo, dall’antichità all’età moderna, che ben possono rappresentare la narrazione dell’identità storica della città.

Ciò diventa occasione per raccontare le più importanti vicende storico-urbanistiche che hanno interessato gli spazi pubblici e gli edifici specialistici civili e religiosi gravitanti attorno l’antico Cassaro.

L’itinerario ha inizio da Porta Nuova con brevi soste a piazza della Vittoria (Villa Bonanno), piano della Cattedrale, piazza Sett’Angeli, piazza Villena (Quattro Canti), piazza Pretoria, piazza Caracciolo (Vucciria) per concludersi a piazzetta Garraffo con l’edicola marmorea del Genio di Palermo.

Carte e cartari. I costruttori di carte da gioco in città
ore 11.00 (piazza san Domenico) - in replica sabato 4 giugno
Accessibile ai disabili 
Biglietto (6 euro) acquistabile online nella pagina dedicata alla passeggiata

Mario Pintagro, dell'associazione Hombre, si perde insieme ai partecipanti tra carte e cartari, alla ricerca dei costruttori di carte da gioco in città. 
Le carte da gioco arrivano in Sicilia nel Medioevo, portate forse da viaggiatori provenienti dall’Oriente. In breve a Palermo si attrezzano tanti laboratori per la produzione di carte da gioco che diventano uno dei passatempi preferiti sia dal volgo che dai ceti più elevati.

I produttori si attestano in una zona vicino all’antico mercato alimentare de Lattarini, nel piano che da allora sarà chiamato dei “cartari”, come racconta già nel ‘300 il notaio Bartolomeo de Citella, che scrive di una “ruga dei cartari”.

La maestranza cresce di importanza e nel ‘700 è talmente numerosa che sfila armata con gli addetti di altre maestranze, dietro i senatori, nei cortei pubblici più importanti. I cartari rimangono in zona fino alla fine dell’800, poi migrano in altre zone della città.

Tutte le passeggiate sono consultabili sul sito delle Vie dei Tesori dove trovate anche il programma completo del festival, le schede e gli approfondimenti, con tutte le info necessarie per partecipare a visite, passeggiate, esperienze.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE