TEATRO & CABARET

HomeEventiTeatro & Cabaret

"Oltre il Velo" (contro i pregiudizi): il Teatro Atlante torna in scena con le storie vere dei nuovi italiani

Balarm
La redazione

Preziosa Salatino in "Oltre il Velo"

Dopo una tournée di successo in tutta Italia, il 22 luglio alle ore 21.15 presso Palazzo Belmonte Riso, torna a Palermo "Oltre il velo", lo spettacolo teatrale contro i pregiudizi di e con Preziosa Salatino del Teatro Atlante di Palermo. 

Lo spettacolo è un racconto, senza filtri, delle storie - tutte assolutamente vere - dei musulmani di seconda generazione che sono emerse dai laboratori teatrali condotti da Preziosa Salatino nell'ambito del progetto “Oltre l’orizzonte – Contro narrazioni dai margini al centro”.

Da Palermo a Torino, da Cagliari a Bologna, ciò che emerge è un impellente bisogno di riconoscimento e autodeterminazione.

Chi sono i nuovi italiani?

Si tratta di giovani nati in Italia da genitori immigrati dall’identità contaminata da mille sfumature, chiamati a fare da ponte fra culture, tradizioni e valori diversi. Ragazzi e ragazze che in famiglia parlano una lingua e a scuola un'altra, che mangiano cous-cous e frequentano i fast food, che indossano con la stessa naturalezza il velo o la minigonna.



Negli ultimi anni si è diffuso il timore che l’anima ibrida di questi ragazzi li renderebbe facilmente manipolabili e nell’opinione pubblica si è sviluppata una reazione parallela di discriminazione: la cosiddetta islamofobia.

Per questo motivo, il progetto “Oltre l’orizzonte”, attraverso un metodo di lavoro partecipativo, racconta attraverso una narrazione positiva esempi di inclusione nel nostro paese e smaschera le contraddizioni e le false promesse della radicalizzazione. 

«La prima volta che ho portato in scena Oltre il Velo - racconta Preziosa Salatino -, l’anno scorso allo Spasimo, con me c’erano il regista e attore Phaim Bhuiyan, protagonista del film Bangla vincitore del Donatello come migliore regista esordiente del 2020, la danzatrice italo-egiziana Soad Ibrahim, la professoressa Tumminelli dell’Università di Palermo, le social moderator di Oltre Oueded Candia e Safà Neji e più di duecento persone come pubblico».

«Ero molto spaventata, ma oggi mi sento più forte. Tornare a Palermo dopo aver portato questo spettacolo in giro per tutta l’Italia mi emoziona molto». 
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE