TEATRO E CABARET

HomeEventiTeatro E Cabaret

"Orgoglio e Pregiudizio" al Teatro Biondo di Palermo: in scena lo spettacolo di Arturo Cirillo

  • Teatro Biondo - Palermo
  • Dal 25 al 30 gennaio 2022
  • 21.00 (25 e 28 gennaio), 17.30 (26, 27 e 30 gennaio) e 19.00 (29 gennaio)
  • Da 5 a 27 euro (promo Balarm 7 euro per la prima del 25 gennaio, leggi articolo)
  • Biglietti acquistabili online oppure al botteghino del Teatro Biondo (da martedì a sabato, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00, domenica dalle ore 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Info ai numeri 091 7434301
Balarm
La redazione

Una scena dello spettacolo teatrale "Orgoglio e Pregiudizio" (foto di Matteo Delbo)

La stagione del Teatro Biondo di Palermo prosegue con la prima versione teatrale italiana di "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen, in programma dal 25 al 30 gennaio 2022. 

PROMO BALARM. In via del tutto esclusiva, grazie a una convenzione stipulata col Teatro Biondo di Palermo, la redazione di Balarm offre ai lettori la possibilità di assistere alla prima dello spettacolo, in programma martedì 25 gennaio alle ore 21.00, al costo di 7 euro per la platea o i palchi, e in più un biglietto omaggio per uno spettacolo in Sala Strehler.

Per ottenere lo sconto sui 30 biglietti disponibili è necessario inviare un messaggio WhatsApp al numero 335 1432488 scrivendo come oggetto "PROMO BALARM ORGOGLIO E PREGIUDIZIO" e specificando il proprio nome e cognome, il numero delle persone interessate alla promo e il titolo dello spettacolo.

Il Teatro Biondo provvederà immediatamente, tramite WhatsApp, a inviare una risposta di conferma e le indicazioni per l'acquisto dei biglietti. 



Lo spettacolo, con l'adattamento teatrale di Antonio Piccolo, con la regia di Arturo Cirillo, prevede la partecipazione dello stesso regista accompagnato da Valentina Picello, Francesco Petruzzelli, Sabrina Scuccimarra, Rosario Giglio, Eleonora Pace, Giacomo Vigentini, Giulia Trippetta. 

Il tutto armonizzato dalle musiche di Francesco De Melis, scene di Dario Gessati, costumi di Gianluca Falaschi e le luci di Camilla Piccioni.

Arturo Cirillo spiega perché "Orgoglio e Pregiudizio" viene portato in scena, dicendo: «Perché penso che Jane Austen sia una scrittrice con un dono folgorante per i dialoghi. Perché sono affascinato dall’Ottocento e dal rapporto tra i grandi romanzi di quell’epoca e la scena».

«Perché - prosegue - l’ironia di questa scrittrice e il suo sguardo acuto, ma anche distaccato, sui suoi personaggi li amo molto. Perché il mondo della Austen, dove apparentemente non accade mai nulla di eclatante, abitato per la maggior parte da creature che stanno abbandonando la fanciullezza per diventare ragazze da marito o giovani scapoli da sposare, mi affascina; con tutto il pudore, i turbamenti, le insicurezze, e anche l’orgoglio e i pregiudizi che la giovinezza porta con sé».

«Perché - aggiunge - questa società dove ci si conosce danzando, ci si innamora conversando, ci si confida con la propria sorella perché i genitori sono, ognuno a suo modo, prigionieri del proprio narcisismo, non mi sembra così lontana da noi. Soprattutto pensando a queste giovani eroine spinte a sposarsi anche per avere finalmente un sostegno economico, sottraendosi allo stesso tempo all’indecorosa condizione di zitelle e allontanandosi dalle proprie famiglie d’origine».

«Anche se poi la povera zitella Jane Austen (che mai riuscì invece ad abbandonare la propria famiglia) si divertì a sottrarsi a tutto questo mettendolo in scena nei suoi romanzi, che sono una spietata critica e allo stesso tempo un’amorosa dichiarazione d’appartenenza alla propria epoca».

«Per fare questo - conclude - si cala nei suoi personaggi/alter ego amandoli e prendendoli un po’ in giro, magari standosene nascosta dietro una tenda ad osservarli, ridacchiando tra sé. Da dietro quella tenda, come nel buio di una quinta, celata agli sguardi altrui ma attenta a non farsi sfuggire nulla di ciò che accade, Jane Austen reinventa la realtà attraverso la sua rappresentazione, ma mai smettendo di essere vera».

Il calendario 

Martedì 25 gennaio 2022, ore 21.00
Mercoledì 26 gennaio 2022, ore 17.30
Giovedì 27 gennaio 2022, ore 17.30
Venerdì 28 gennaio 2022, ore 21.00
Sabato 29 gennaio 2022, ore 19.00
Domenica 30 gennaio 2022, 17.30
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE