TEATRO E CABARET

HomeEventiTeatro E Cabaret

"Senza Ritorno. Orazione per le vittime del femminicidio" al Circolo Arci Fontarò

  • Fontarò - Palermo
  • 27 novembre 2019 (evento concluso)
  • 21.30
  • 7 euro con tessera Arci
  • Info al numero 329 3210304
Balarm
La redazione

Le attrici Maria Teresa Coraci e Giuditta Perriera

"Senza Ritorno. Orazione per le vittime del femminicidio" è il titolo dello spettacolo di Giuditta Perriera, per la regia di Enrico Stassi, in programma al Fontarò-Circolo Arci dedica in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Se di violenza si tratta, non comincia quando un uomo uccide una donna. Quella è solo la triste fine. Ma quando la società nel suo complesso costruisce, avalla e tramanda una serie di stereotipi sulle donne e di regole sottintese che, se spezzate o trasgredite, conducono una donna a diventare, nell’immaginario collettivo, da fata a strega. E a dover dunque essere inevitabilmente punita per questa sua trasformazione.

Sul palco saliranno due attrici che attraverso le parole di grandi poetesse come Alda Merini e Joan Cavanagh e storie crude e attuali di donne uccise o psicologicamente maltrattate, condurranno gli spettatori a ripensare un nuovo modo di intendere l’universo femminile.

Due attrici sole in scena (Giuditta Perriera e Maria Teresa Coraci), ma portatrici di migliaia di donne maltrattate o uccise, soltanto perché hanno voluto essere persone libere da stereotipi. Libere, dunque persone. Ed è per questo che lo spettacolo metterà in gioco tutte le corde delle donne: sensualità, ironia, dramma, complessità, dubbi, amore, tenerezza, rabbia, disperazione, mettendo a nudo quel bisogno di capire e di provare sentimenti che si traduce in una girandola di emozioni, in una giostra di donne.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE