TEATRO & CABARET

HomeEventiTeatro & Cabaret

Tra streghe, passioni e la poetica di Franco Scaldati: "Notturno Macbeth" alle Orestiadi

  • Orestiadi 2018
  • Baglio Di Stefano, Località baglio Di Stefano - Gibellina (Tp)
  • 10 agosto 2018
  • 21.15
  • 12 euro (intero), 8 euro (ridotto), 65 euro (abbonamento)
  • I biglietti si acquistano a Palermo (libreria Modusvivendi in via Quintino Sella, 79 e libreria Easy Reader in via Alessandro Paternostro) e a Trapani (Libreria del Corso in corso Vittorio Emanuele, 61) e anche al botteghino del Baglio di Stefano. Informazioni e prenotazioni allo 0924 67844 o via mail all'indirizzo info@orestiadi.it

Franco Scaldati

"Notturno Macbeth" è lo spettacolo con Serena Barone, Aurora Falcone e Giuseppe Tarantino che va in scena alle Orestiadi di Gibellina venerdì 10 agosto alle 21.15.

Per la regia di Umberto Cantone e il progetto video a cura di Michele Ambrose, si tratta di una prima Nazionale.

Il teatro poetico di Franco Scaldati si è sempre nutrito di tenebre per dare luce e corpo alle parole, e sempre ha corteggiato l’incerta natura di paesaggi e figure di quell’ “illusione mediterranea” che, tra le sue tante metamorfosi, sa esprimere quella, ammaliante e terribile, del ritrarsi del cuore umano e del subentrare del cuore diabolico.

E dunque naturale è stato —per il teatrante poeta di Palermo —l’incrocio con la più infernale e adamantina delle tragedie di Shakespeare, con il “Macbeth” che, in questo meditato “Libro Notturno”, si è lasciato riscrivere più che tradurre in una magnifica lingua-dialetto che scandisce e vivifica, accarezza e scava il testo originario, valorizzandone l’ordito e la polpa teatrale.

Sfidando l’irrappresentabilità della partitura scaldatiana (che si limita a evocare i personaggi senza definirli), lo spettacolo sceglie come prospettiva privilegiata quella “oracolare” delle tre Streghe (o Norne o Veggenti o Sorelle Fatali) che aprono e chiudono il Libro del fantasmagorico vortice di passioni incontrollate e atti sanguinari in cui precipitano scarnificandosi Macbeth, Lady Macbeth, Banquo e gli altri protagonisti della tragedia.

Come uniche presenze sulla scena, saranno dunque le tre streghe a “fare e disfare”, recitandole in un corpo a corpo con le ombre, tutte le parti del Macbeth notturno, conducendo il sistema di metamorfosi ed epifanie nel teatro delle apparizioni scaldatiano/shakespeariano.

Un teatro dove il tempo confonde se stesso e dove tutte le identità e qualità (corpo e anima, maschile e femminile, realtà e sogno) si mescolano e si sovrappongono.

E questo tenebroso gioco di fisiche perdizioni, di preveggenze fatali e di delitti senza redenzione, vogliamo che si svolga in uno dei tanti teatri naturali di Gibellina, spazio che evocherà concretamente le geometrie, i volumi e i punti di fuga del “dolce illusorio Sud”, immaginato da Dino Campana e animato dall’arabesco e dal barocco della lingua visionaria di Scaldati.

eventi consigliati