STORIE

HomeMagazineLifestyleStorie

Adriana e Alice, due stelle (palermitane) della danza: pronte a splendere alla Scala di Milano

Una si chiama Adriana Tusa, l’altra Alice Sutera e, per entrambe, il futuro sembra essere “sulle punte” considerando che, dal prossimo anno, le due danzatrici palermitane studieranno a Milano

Rosa Guttilla
Giornalista
  • 31 luglio 2021

Da sinistra Alice Sutera e Adriana Tusa

Una si chiama Adriana Tusa, l’altra Alice Sutera e, per entrambe, il futuro sembra essere “sulle punte” considerando che, dal prossimo anno, le due danzatrici palermitane perfezioneranno i loro curriculum (già ricchi) presso la Scala di Milano.

Sedici anni la prima, 13 la seconda, Adriana e Alice, per quanto frequentino classi di studio diverse hanno in comune la frequentazione della stessa scuola di danza, a Palermo, e la stessa insegnante, Giusy Petrillo che è anche direttore artistico della La Danse ssd, loro scuola di formazione.

«Quando arrivano allievi che mostrano doti particolari - ci ha detto la Petrillo - è nostro dovere proporre a loro e alle famiglie un percorso di studi mirato che, nel tempo, riesca a tirar fuori tutte le potenzialità dell’allievo. Così come è stato per queste due ragazze, giunte nella scuola Adriana a 5 anni e Alice a 4».

Nella fattispecie Adriana, che dallo scorso anno studia già a Milano e che per il prossimo anno accademico è stata promossa a pieni voti e seguirà il al 6° Corso alla Scala, dopo le tappe introduttive relative allo studio della Danza Classica (Propedeutica, Sbarra a terra, Pre-accademico, Accademico, Punte) a 9 anni ha cominciato a seguire lezioni private, partecipando a stage di danza con maestri di fama internazionale. Aggiungendo anche gli studi di Danza Contemporanea e Hip Hop.



Nel 2017, con la partecipazione alla manifestazione Palermo in Danza, organizzata da Santina Pellitteri, ha ottenuto l'ammissione diretta all' audizione per il Ballett Schule, Hamburg Ballett John Neumeier assegnata da Marianne Kruuse, (Principal Pedagogical e vice direttore Hamburg Ballett).

Nel 2018-19 è stata ammessa al 3° Corso della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli, promossa al 4° corso.
«Quando Adriana - ci ha detto l’insegnante Petrillo - ha studiato a Napoli, per circostanze non dipese da lei, non ha soddisfatto la sua ricerca e, d’accordo con noi, ha fatto ritorno a Palermo, dove ha continuato a studiare e prepararsi per future audizioni».

Nel 2020, infine, grazie alla sua perseveranza e dedizione, con la partecipazione all’edizione di Palermo in Danza 2020 ha ottenuto l’accesso diretto ad una tra le più importanti accademie europee che ha sede ad Amsterdam, oltre ad una borsa di studio.

Da qui poi l’ingresso, lo scorso anno, alla Scala di Milano.

Quest’anno la seguirà anche Alice Sutera, tredicenne, che ha tutte le carte in regola, così come la collega, per far splendere un altro pezzo di Sicilia sul palcoscenico di uno dei teatri d’Opera più importanti al mondo.

Il suo primo concorso lo ha fatto a soli 11 anni, ottenendo subito il primo posto e l’assegnazione di due prestigiose borse di studio, una alla John Cranko School di Stoccarda e l’altra alla Tanz Akademie Zurigo.

Come l’amica Adriana, con la partecipazione all’edizione di Palermo in Danza 2020 ha ottenuto l’invito all’audizione per l’ammissione alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano, assegnato direttamente dalla maestra Elisa Scala.
E adesso, dopo aver superato tutte le tappe della severissima selezione svoltasi a luglio, è stata ammessa al 3° Corso della Scuola di Ballo della Scala, dove comincerà a studiare dopo l’estate.

«La nostra, come insegnanti, è una doppia responsabilità ogni volta che incrociamo un talento ma siamo molto contenti che queste nostre due allieve possano perfezionarsi a Milano, dove per entrare la selezione è veramente durissima.

Adriana e Alice hanno sempre dimostrato grande dedizione allo studio e perseveranza e oggi sono premiate con un tassello importantissimo che si aggiunge alle tappe, già significative, segnate nonostante la loro giovane età».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI