CURIOSITÀ

HomeMagazineCulturaCuriosità

"Comu finiu? A tri tubi": noi ridiamo, ma dietro c'è la (triste) storia di un piroscafo siciliano

È un'espressione tipica della Sicilia orientale con cui si dà una risposta spiritosa che, in realtà, conserva il ricordo di una tragedia che ha per protagonista "la tre tubi"

Salvina Elisa Cutuli
Giornalista, guida museale, insegnante di danza
  • 10 settembre 2021

Il piroscafo "Città di Catania"

Finiu a tri tubi! Capita molto spesso di ricevere questa insolita risposta quando si domanda a qualcuno: Comu finiu?, per sapere l’esito di una qualche situazione.

L’espressione è molto comune e diffusa tra generazioni vecchie e nuove soprattutto nella zona orientale della Sicilia. Rientra tra i tanti modi dire che si tramandano senza conoscerne veramente il significato o l’origine.

In realtà le repliche alla domanda comu finiu? possono essere diverse, variano anche rispetto alla garbatezza che si vuole conferire alla risposta. Oltre a tri tubi potreste imbattervi in finiu a fetu, finiu a schifiu.

Tutte espressioni che, con ilarità e ironia, aiutano a colorare un esito che sicuramente non è andato a buon fine.

Un modo curioso, quindi, per venire fuori da una situazione di impasse. Ma qual è l’origine di questo modo di dire?

Nonostante, infatti, per qualcuno l’espressione sia molto familiare, la sua origine è un enigma. Per conoscerla bisogna andare indietro al 1909-1910 quando venne costruito il piroscafo Città di Catania appartenente alle Ferrovie dello Stato che aveva, appunto, tre grossi comignoli e, per questo, denominato "la tre tubi".



Il piroscafo trasportava passeggeri, ma a partire dal 1912 cominciò ad essere usato anche per scopi bellici, prima nella guerra italo-turca e poi durante la prima guerra mondiale.

A seguito dei trattati di pace fu destinata a svolgere servizi postali di linea, e poi nuovamente, a partire dal 1939, la nave venne utilizzata dalla Regia marina e assunse una colorazione mimetica per essere meno identificabile.

Il suo ultimo viaggio fu sulla rotta Brindisi - Durazzo con a bordo 407 passeggeri, tra civili e militari, e 105 dell’equipaggio. Un sommergibile inglese HMS Unruffled lo avvistò al largo della città di Brindisi, lanciò due siluri e lo affondò con tutti i passeggeri a bordo. Era il 3 agosto del 1943.

In Sicilia quando si usa l’espressione "finiu a tri tubi" si vuole accennare a qualcosa andato storto, proprio come la triste fine di questo piroscafo.

A questa versione più ufficiale se ne aggiunge un’altra più colorita. Ha sempre a che fare con mare e imbarcazioni e fa riferimento al periodo delle grandi migrazioni verso l’America. All’epoca erano perlopiù i mariti a partire su navi che avevano quasi sempre tre comignoli.

Una volta arrivati oltre oceano, alcuni di loro si risposavano e iniziavano una nuova vita facendo perdere le proprie tracce. Alle mogli rimaneva il ricordo dell’ultimo saluto al porto e a chi chiedesse loro notizie sulla sorte dei propri consorti non potevano che rispondere ‘a tri tubi’.

In alcuni contesti si dice anche ‘a tri tubi e na cannila’ per indicare le notti trascorse in bianco con una candela accesa ad aspettare notizie che tardavano ad arrivare. In entrambe le versioni l’espressione caratteristica e spiritosa racconta, purtroppo, di eventi e situazioni non molto fortunate.

La prossima volta che vi capiterà di usare o sentire questa espressione pensate che non può esservi andata peggio che al ‘Città di Catania’.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI