ARTE E ARCHITETTURA

HomeNewsCulturaArte e architettura

Il "Cielo Antico" sopra Palermo: a chi è dedicato il nuovo murale dell'Albergheria

Con questo video vi mostriamo il nuovo murale all'Albergheria, realizzato da Igor Scalisi e dedicato a un personaggio che ha amato Palermo e i palermitani

Balarm
La redazione
  • 22 marzo 2024

Per visualizzare questo video, dai il tuo consenso all'uso dei cookie dei provider video.
«Io con la mia ombra salgo un cielo antico»: con queste parole inizia una poesia di Franco Scaldati, manifesto della sua poetica. E proprio questa frase campeggia sul muro dove Igor Scalisi Palminteri ha realizzato Cielo antico, murale realizzato nel quartiere palermitano dell'Albergheria, dedicato al drammaturgo, regista e attore teatrale siciliano.

Il murale, che trae ispirazione da una emblematica fotografia scattata da Ninni Annaloro, è un tributo vibrante e visivo alla straordinaria figura del drammaturgo palermitano. Attraverso il murale, Igor Scalisi Palminteri, dà vita all'immagine e al messaggio di Scaldati in un quartiere simbolo dello spaccato popolare cittadino raccontato dal genio di Scaldati con la sua arte.

«Franco Scaldati è il poeta della nostra città, Palermo, il cantore delle viscere di questo posto – spiega Igor Scalisi Palminteri -. Lui ha saputo inabissarsi nelle ombre più profonde e cantarne la meraviglia. Ha scoperto tra le macerie quello che molti con uno sguardo superficiale non possono vedere.
Adv
Lui ha lavorato in questo quartiere, qui a San Saverio, ed è qui che ho deciso di dipingere il suo volto a imperitura memoria, perché i palermitani sappiano chi è Franco Scaldati, perché lo sappia il mondo. Un poeta dimenticato o mai conosciuto, o da pochi conosciuto».

Una poetica, quella di Scaldati, che ha dato ispirazione alla sua arte popolare e di denuncia sociale, caratterizzata da un fortissimo legame con Palermo e con i palermitani: «Questo dipinto è tutto il desiderio di mostrare cosa di bello ha lasciato Scaldati questa città – commenta l'autore del murale -, un uomo che è diventato per Palermo un monumento da conservare e preservare, come una meravigliosa scultura in un giardino abbandonato.

Franco Scaldati diventa per noi occasione di raccontarci, di dire chi siamo, di scoprirci meglio, di entrare nelle nostre viscere, nella nostra profondità. Lui, poeta cinico ma straordinario, che non ha avuto paura di guardare negli occhi Palermo e le sue persone: con loro ha lavorato, ha fatto cose straordinarie all'Albergheria insieme anche ad attori non professionisti. Per fortuna c'è chi lo ha capito e lo ha amato».

"Cielo Antico" ha ricevuto il supporto di persone e organizzazioni che hanno contribuito alla realizzazione del progetto: Vedi Palermo, Compagnia Franco Scaldati, Spazio Franco, Padre Cosimo Scordato e la famiglia Scaldati, Pizzottando, Ninni Annaloro e il Centro sociale San Francesco Saverio.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

I VIDEO PIÙ VISTI