MUSICA

HomeMagazineCultura

Il nuovo singolo di Dimartino "Cuoreintero": stupisce con nuove sonorità e nuovi mondi

Il singolo anticipa l'uscita del nuovo album "Afrodite" prevista per il prossimo 25 gennaio. Il brano è accompagnato anche dal videoclip opera di Manuela Di Pisa

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 15 dicembre 2018

"Niente di nuovo, qui c’è solo un ragazzo che diventa uomo. Un albero che trema, un fiume che diventa oceano".

Sono alcuni versi del suo nuovo atteso singolo. Antonio Di Martino cambia pelle e dopo un momento di stasi, fa tabula rasa del passato, rimette insieme tutti i pezzi e riparte.

Si cresce e cresce anche un artista che probabilmente non aveva bisogno di mettersi in discussione e invece "Cuoreintero", il nuovo singolo del cantautore misilmerese, che anticipa l'uscita dell'album di inediti "Afrodite" prevista per il prossimo 25 gennaio, stupisce con sonorità e mondi nuovi finora distanti dal suo universo.

Si è tuffato in un mare sonoro nuovo tra influenze anni Settanta italiane (su tutti Battisti e Dalla) e la scena internazionale contemporanea (Phoenix, Sebastian Tellier, Tame Impala) trovando un suono personale, potente e mai derivativo.

«Quando ho iniziato a scrivere il nuovo disco ho stabilito, senza rendermene conto, che qualsiasi cosa avrei scritto sarebbe dovuta essere diversa da quello che fino ad allora avevo fatto, soprattutto da un punto di vista sonoro. - dice Dimartino - Ho pensato che fosse qualcosa di talmente intimo quello che avevo da dire che aveva bisogno di un vestito opposto, aveva bisogno di un cortocircuito».

Questo disco è il primo per 42 Records in collaborazione con Picicca prodotto da Matteo Cantaluppi (producer anche del nuovo disco).

Un pezzo che è un vero e proprio manifesto, che parla di crescita e nuove responsabilità, ma anche della necessità di perdersi per ritrovare la propria identità. In questo smarrimento, solo gli affetti a fare da bussola: “È tutto in mille pezzi, ma almeno il cuore è intero”. Il percorso di Dimartino riparte da qui.

«Mentre visitavo il museo egizio di Torino - continua il cantautore - mi sono soffermato sull’antica pratica della psicostasia, la pesatura del cuore, a cui, secondo il libro dei morti, era sottoposto ogni defunto prima di accedere all’aldilà».

«Ho pensato all’unicità del cuore di ogni essere umano e mi è venuto in mente un concetto semplice, ma fondamentale: oggi prima di curare un’intera società bisognerebbe cominciare a curare le proprie solitudini» conclude.

Il brano è accompagnato anche dal videoclip opera dell’artista (regista) palermitana Manuela Di Pisa. Il 15 febbraio parte da Palermo il “Afrodite Tour 2019”, organizzato e prodotto da Massimo Levantini per Baobab Music, che vedrà Dimartino live nei principali club italiani.

Si parte il 15 febbraio da I Candelai di Palermo e si prosegue il 16 dal Ma di Catania, il 21 alla Santeria Social Club di Milano, il 22 a Cavriago (Re) al Circolo Kessel, il 28 all’Hiroshima Mon Amour di Torino.

Il 9 marzo sarà la volta di Coversano (Ba) alla Casa delle arti, il 14 all’Auditorium Unical di Cosenza, il 15 marzo al Monk di Roma e infine il 16 al Locomotiv Club di Bologna.

ALTRI VIDEO