MANIFESTAZIONI

HomeMagazineSport

In giro per la Sicilia in bici (ma non è una gara): come partecipare alla "Randonnée" di Palermo

Una randonnée è un'alternativa al turismo veloce che ti porta in giro per condividere le bellezze dei luoghi, senza l'assillo di un cronometro. Appuntamento a domenica 2 giugno

Balarm
La redazione
  • 8 marzo 2021

La Randonnée

Sport, cultura e natura. Tutte e tre insieme in un unico grande evento. Parliamo della "Randonnée" di Palermo, la prima gara della provincia di Palermo che si tiene domenica 2 giugno 2021.

Giunta alla sua sesta edizione, la gara è ideata e realizzata dall'associazione sportiva dilettantistica GS Mediterraneo, storica società sportiva dilettantistica siciliana.

L’obiettivo che si pone la Randonée di Palermo è quello di fare vivere un'esperienza unica ai partecipanti coniugando sport, cultura e natura. Un continuo alternarsi di paesaggi naturalistici, opere monumentali di rilievo internazionale, luoghi della memoria che lasceranno un segno indelebile a tutti i partecipanti.

Una randonnée, infatti, non è una gara ma piuttosto un'alternativa al turismo veloce che ti porta ovunque per scattare qualche foto e condividere le bellezze dei luoghi con i compagni di viaggio che pedalano alla tua stessa velocità.



Ideata in Francia nel 1904, la disciplina del randonneurs venne poi definita nelle sue regole dall'Audax Club Parisien.

A portarla in Italia fu la società Valpellice di Campiglione Fenile che seppe riportare in Italia ciò che era nato poco più di cento anni prima, nel 1897. Così una società di un piccolo paese ai piedi delle Alpi Cozie diede il proprio contributo alla Storia del Ciclismo del nostro Paese.

Da allora, questa disciplina ha saputo coinvolgere migliaia di appassionati su tutto il territorio nazionale, grazie ad uno spirito sportivo genuino che favorisce l'aggregazione spontanea fra i ciclisti senza l'assillo del cronometro.

La Randonnée Palermo tocca il Teatro Massimo di Palermo, attraversa la città passando dalla Cattedrale e dal Palazzo dei Normanni ed esce da Porta Nuova per dirigersi verso la rocca di Monreale che con il suo Duomo sovrasta la Conca D’Oro, continuando a salire attraversando il paese di Pioppo ed arrivando a 670 metri di altezza in località Ponte di Sagana.

Si scende poi attraverso la statale186 in una stretta valle che dopo pochi chilometri si apre sul golfo di Castellammare sovrastando i paesi di Borgetto, Partinico e proseguendo in pianura sulla SS113 per Alcamo.

Da qui parte la strada del vino attraverso morbide colline con filari sterminati fino ad arrivare, in salita allo scenario tristemente suggestivo dei paesi devastati dal terremoto del Belice del 1968 con i ruderi di Poggioreale e a seguire il famoso Cretto di Burri che altro non è che la perfetta riproduzione della pianta urbana della Gibellina originale (distrutta appunto dal terremoto), espressa nella più grande opera d’arte del mondo.

I percorsi
La classicissima Randonnée si sviluppa in 5 percorsi e 4 brevetti, suddivisi così: la 100 km, la 200 km e Reverse lungo le strade del vino, la 300 km lungo la via dei cinque laghi, la Off-Road mtb Randomarathon di Pasqua.

Come partecipare
È possibile iscriversi online sul sito Audaxitalia.it oppure presso Centro Bici Scibona, AreaBici o Sport e Nutrition entro giorno 1 giugno 2021.

Per partecipare è obbligatorio presentare il modulo delega e l'autocertificazione no-covid scaricabili dal sito della manifestazione Randonnepalermo.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI