LAVORO

HomeInformagiovaniLavoro

Just Eat assume nuovi rider a Palermo: 100 posti di lavoro con contratto, come candidarsi

Il leader nel mercato del "food delivery" apre le candidature nel capoluogo siciliano. Ecco tutti i dettagli su come candidarsi e sulla tipologia di contratto che verrà utilizzato

Balarm
La redazione
  • 19 novembre 2021

Lo sviluppo del digital food delivery in tutto il mondo e, in particolar modo, a Palermo sta offrendo nuove opportunità sia per imprenditori, stabilendo circa 500 accordi commerciali per i loro luoghi di ristoro, e lavoratori.

In questo caso, i riflettori si accendono proprio sui lavoratori grazie alle posizioni aperte di Just Eat per 100 rider con contratto a tempo indeterminato.

Il leader nel mercato delle consegne di cibo a domicilio, inseguito all'accordo con i sindacati, inquadra i lavoratori nel contratto collettivo aziendale di lavoro subordinato.

Come candidarsi

Per candidarsi, basta consultare il sito ufficiale di Just Eat e compilare gli appositi spazi rispondendo alle domande che vengono richieste.

Per i rider che passeranno la selezione, verrà offerto un corso di formazione di 12 ore con nozioni base che riguardano la professione e argomenti inerenti a salute e sicurezza.

Il contratto

Nel contratto che verrà stipulato tra Just Eat e i nuovi rider sono previsti tanti benefici: l’applicazione di festività, lavoro straordinario, ferie, malattia, maternità o paternità secondo quanto previsto dal regolamento del Ccnl e con retribuzione prevista dal contratto nazionale.

La paga oraria non sarà inferiore a 9 euro fino al raggiungimento di un’anzianità lavorativa di due anni. A Palermo, in particolare, sono previsti orari lavorativi part time di 10, 20 o 30 ore e i turni possono essere pianificati tramite un'app.

Inoltre, sono previste nel contratto di lavoro anche indennità di rimborso chilometrico per l’utilizzo del proprio mezzo (ciclomotore o bicicletta) per le consegne.

A tutti i dipendenti saranno anche consegnati tutti i dispositivi di protezione previsti dalla legge, come caschi, particolari indumenti antipioggia e zaino per poter trasportare il cibo.

Sarà anche garantita l'assicurazione in caso di incidenti avvenuti in orario lavorativo.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI