MOBILITÀ

HomeMagazineTerritorioMobilità

La politica ascolta le esigenze degli emigrati: tariffe aeree agevolate per chi torna in Sicilia

Approvato al Senato un emendamento che garantirà ai siciliani lo stesso diritto alla mobilità di cui gode la Sardegna: il caro voli in Sicilia sarà un ricordo lontano

Balarm
La redazione
  • 14 dicembre 2019

Il caso del caro voli in Sicilia presto sarà solo un ricordo lontano. È stato infatti approvato in commissione Bilancio del Senato l'emendamento sulla continuità territoriale in Sicilia. La proposta è renziana, la norma, di fatto, estende alla Sicilia le regole già applicate per la Sardegna.

«Per il primo anno saranno riconosciute tariffe sociali per le persone con disabilità, lavoratori e studenti, nel frattempo si terrà una gara fra i vettori aerei e dal secondo anno ci sarà un sensibile abbattimento delle tariffe per tutti. Una vittoria storica che dedichiamo a tutti i siciliani», commenta il capogruppo di Italia Viva in Senato Davide Faraone che, insieme a Valeria Sudano e Matteo Renzi, sono i primi firmatari dell'emendamento.

«È stata riconosciuta una cosa ovvia - commenta -, che però in tutti questi anni tanto ovvia non era e cioè che la Sicilia è un'isola. Nessun ponte, niente treni ad alta velocità, prezzi degli aerei alle stelle: può andare nel continente solo chi se lo può permettere, una roba da Medioevo. Finalmente non è più così».

Come dicevamo, la continuità territoriale garantirà ai siciliani lo stesso diritto alla mobilità che è attualmente applicato alla Regione Sardegna.

«I siciliani non saranno più cittadini di serie B», commenta Valeria Sudano. «Finalmente sarà possibile bandire gare, nel rispetto delle regole comunitarie - prosegue Sudano - per l'assegnazione di tratte agevolate per l'intero territorio siciliano. È una misura strutturale che riguarda tutti i siciliani, non solo alcune categorie, come previsto dalle tariffe sociali, che saranno applicate per il 2020, e che assicura il diritto alla mobilità sostenibile.

Le gare saranno gestiste dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che valuterà quali rotte saranno agevolate. Si è tentato più volte di arrivare a questo risultato e finalmente la Sicilia avrà la stessa misura di perequazione della Sardegna sul trasporto aereo. È l'acquisizione di un diritto che attendevamo da tempo e che finalmente è realtà».

ARTICOLI RECENTI