MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Adm: l’Irlanda si riunisce nel segno della musica

La Camerata Ireland si forma nel ’99 all’insegna della pace e della convivenza: prima orchestra a riunire musicisti di due paesi da anni consumati da guerre civili

  • 31 gennaio 2004

Ben tre appuntamenti si avvicenderanno al teatro Golden di Palermo nelle giornate di lunedì 2 e martedì 3 febbraio per i concerti degli Amici della Musica, tutti incentrati sulla Camerata Ireland, formazione orchestrale costituita da giovani musicisti provenienti dall’Irlanda del Nord e dall’Irlanda del Sud. Al suo debutto palermitano, l’ensemble costituito nel ’99 all’insegna della pace e della convivenza, prima orchestra a riunire musicisti di due paesi da anni consumati da lotte e guerre civili, nelle intenzioni del direttore Barry Douglas mira a congiungere idealmente, nel nome della musica, le due regioni dell’isola verde.

Il primo appuntamento sarà alle 17.15, per il turno pomeridiano, con un programma che propone il “Nocturne” per archi di John Kinsella, seguito dal “Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra in si bemolle maggiore op. 19” di Ludwig van Beethoven e, nella seconda parte, la “Serenata in do maggiore op. 48” di Pëtr Il’ic Cajkovskij. Martedì 3 febbraio, il concerto serale delle 21.15 si aprirà invece con “The Starry Dynamo in the Machinery of the Night” di Philip Hammond, in prima esecuzione a Palermo, proseguirà con il “Concerto per pianoforte e orchestra in si bemolle maggiore Kv. 595” di W. A. Mozart e si concluderà con una seconda parte dedicata nuovamente alla “Serenata op. 48” di Cajkovskij. Dato l’importante valore simbolico che una simile compagine di musicisti assume, gli Amici della Musica non potevano non farsi promotori di un incontro fra l’eccezionale organico e gli oltre 1000 alunni delle scuole medie inferiori e superiori di Palermo e provincia, per una lezione-concerto del Progetto Scuole, martedì 3 febbraio alle ore 11, sempre al Golden, durante cui verranno eseguiti alcuni dei brani in programma, testimoniando l’importante esperienza di convivenza musicale dei trentatré membri dell’orchestra.

Già esibitasi nelle maggiori sale da concerto irlandesi e britanniche, la Camerata Ireland ha svolto tournées in Francia, Germania, Polonia, Stati Uniti e Sud America, partecipando ad importanti festival, alternandosi ai Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado e all’Orchestra Sinfonica di Colonia diretta da Semyon Bychkov, eseguendo un repertorio costituito, oltre che da pagine di musica classica e romantica, anche da opere di compositori irlandesi contemporanei, quali i summenzionati Kinsella e Hammond. (www.camerata-ireland.com). Il costo dei biglietti è 13 euro (intero), 8 euro (ridotto soci Ideanet, Club la Repubblica e Touring Club, studenti Conservatorio e Corso Universitario in Discipline della Musica).

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI