SOCIETÀ

HomeMagazineSocietà

I vini di Villa Scaminaci: storie di cooperazione in Sicilia

Sullo sfondo del terremoto del Belice nasce la cantina Villa Scaminaci con i suoi vini Salaparuta DOC, acquistabili online al costo di produzione senza spese di spedizione

  • 27 marzo 2014

Sulle macerie di una terra violentata dal terremoto del Belice nasce la storia di Villa Scaminaci; una storia di siciliani, di uomini semplici, uniti dalle difficoltà dell’entroterra e dalla coraggiosa volontà di rimettersi in piedi.
Sono anni di lenta ripresa per Salaparuta - a circa 60 chilometri a sud-ovest della città di Palermo - lì dove nel ‘68 la natura ha tradito i suoi figli e lì dove dalla natura si è voluto ricominciare. Iniziano così l’avventura e l’impegno di Villa Scaminaci che, sulle orme di una radicata e tramandata passione vitivinicola, investe da tempo sulla forza e sulla passione di un gruppo di piccoli produttori locali. A dare un’anima al progetto, la volontà di riqualificare il territorio siciliano e restituirgli l’antica vocazione alla coltura dei vigneti.
Ad oggi, la gestione del marchio Villa Scaminaci è della Cooperativa Agricola Madonna del Piraino s.c.a. che, nel corso degli anni, si è sempre distinta per il nobile intento di mantenere viva la tradizione della terra unendo le forze di circa 200 piccoli agricoltori che, dal 1970 lavorano insieme per riscrivere la storia di Salaparuta.
Nata, dunque, dalla collaborazione tra produttori, la cantina di Villa Scaminaci si estende, oggi, su una superficie di 5.000 metri quadrati e da sempre, nel connubio di antica sapienza e innovazione, produce vini pregiati e dalle caratteristiche incomparabili.
I grandi vini di Salaparuta si affermano nel panorama enologico nazionale, confermando la loro unicità con il riconoscimento del marchio DOC (Denominazione di Orgine Controllata) ricevuto nel febbraio 2006. Prodotti nelle tipologie di Grillo, Chardonnay, Catarratto, Nero d'Avola, i vini Salaparuta (che è possibile acquistare online direttamente dal produttore senza costi di spedizione) riflettono la filosofia che guida la crescita di Villa Scaminaci.
«Una filosofia che esalta la natura con etica e trasparenza - afferma il Presidente della Cooperativa Calogero Di Girolamo - tanto da essere motivo di orgoglio per la nostra realtà».
Il disciplinare di produzione - che definisce i requisiti produttivi e commerciali dell’Azienda - ha donato forza nuova all’intera cooperazione, prevedendo una fase di produzione e di imbottigliamento direttamente nel centro di Salaparuta. Questo nuovo vigore trova, però, aria fertile su cui fondare radici: il patrimonio vitivinicolo delle terre belicine è, infatti, una risorsa inestimabile che va salvaguardata e valorizzata nel rispetto dell’ambiente e delle molteplici esigenze del mercato e dei consumatori. Per mantenere incontaminato il sapore autentico di una Sicilia antica, la cantina di Salaparuta garantisce la qualità dei suoi vini grazie all’uso controllato del territorio e delle sue risorse.
«Un valore qualitativo reale – aggiunge Di Girolamo – percepibile; e non potrebbe essere altrimenti in un ambito di eccellenza come quello che l’Azienda ha creato con impegno, in tutto questo tempo».
Il forte legame con la terra è confermato, oltre che dalla qualità delle uve siciliane, anche dalla massima efficienza innovativa delle fasi produttive. La cantina, infatti, resa energicamente indipendente da un impianto fotovoltaico di 1.200 metri quadrati ad emissione zero, ha sviluppato un processo di coltivazione e produzione agricola di derivazione biologica, un processo di selezione e di commercio equosolidale, a garanzia di risultati peculiari.
«È vero, non ci sono strutture adatte ad ospitare eventi e degustazioni – conclude Calogero Di Girolamo – ma c’è l’anima. Il nostro vino piace, il vino povero, senza manipolazioni, sano. Ci si gusta l’anima del fare; ad ogni sorso, è come assaporare un pezzo di questa terra».
Villa Scaminaci è una storia di cooperazione in Sicilia, sullo sfondo del sisma che ha fatto tremare la terra e vibrare l’animo di uomini che hanno scelto di non arrendersi, puntando al futuro.
Puoi essere parte di questo percorso di cooperazione e difesa del territorio sostenendo l’attività della cantina acquistandone i vini. Comprando direttamente dal produttore sostieni direttamente la sua attività risparmiando tutti i costi di intermediazione.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI