MOBILITÀ

HomeMagazineSocietàMobilità

"Mondello pedonale", parte la sperimentazione tra malumori e incertezze: ecco i tutti divieti

Dal 15 giugno scatta il provvedimento. Le associazioni della borgata marinara chiedono di essere ascoltate. Niente pass per i residenti, al momento. Cosa prevede il piano del Comune

Balarm
La redazione
  • 15 giugno 2021

Da un lato c'è l'amministrazione comunale che si dice soddisfatta del piano di pedonalizzazione di Mondello, dall'altra ci sono associazioni e movimenti civici e residenti che continuano a mostrare grosse perplessità sul provvedimento.

Nei mesi scorsi hanno chiesto che le loro proposte venissero tenute in considerazione proprio perchè frutto di una analisi che parte "dal basso", ovvero da chi Mondello la vive d'estate e di inverno, e che non vuole trovarsi "costretto" in regole e divieti che congestionano il traffico, creano smog, rumore, disagi, rendendo la vita della borgata marinara, impossibile.

Intanto è partita oggi (15 giugno) la sperimentazione della pedonalizzazione del lungomare di Mondello, al momento nel tratto compreso tra Stabilimento "Ex-Charleston" e la Piazza del paese (tra Teti e via Glauco) che sarà quindi vietato alle auto tutto il giorno.

Il traffico sarà deviato in via Palinuro e in viale Regina Elena e sarà istituito il divieto di sosta anche sul lato sinistro della strada. Viale Principe di Scalea, nel tratto compreso tra piazza Valdesi e viale Galatea diventerà a doppio senso di marcia.



Dal 20 luglio in poi il provvedimento sarà esteso all’intero lungomare: da via Teti fino alla piazza di Valdesi.

L'area pedonale sarà collegata con i parcheggi Galatea, Mongibello, Tolomea, Palinuro e viale Aiace da una navetta Amat gratuita (con cadenza di dieci minuti circa).

La piazza di Mondello diventa invece ZTL, zona a traffico limitato, dalle 18 alle 24, sette giorni su sette.Ingresso consentito solo per le esigenze di residenti, domiciliati, clienti degli hotel e degli stabilimenti balneari. Questi "soggetti" dovranno dimostrare di avere le carte in regola per entrare nella ZTL e, come ha spiegato l'assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania, potranno fralo esibendo un contratto di affitto, un titolo di proprietà o una bolletta se residenti; con una prenotazione del ristorante o dell'hotel se clienti. Basterà anche un messaggio su Whatsapp.

La Ztl comprende l'area delimitata da via Torre di Mondello, piazza Mondello, via Piano di Gallo, via Giuseppe Pavone e via Eplide.

Niente pass per i residenti rilasciati dal comune, al momento. Cosa questa che sta già creando forti malumori.

Ecco il percorso delle navette Amat:
PARCHEGGIO GALATEA – VIALE GALATEA – VIALE PRINCIPE DI SCALEA (lato Valdesi) – PIAZZA VALDESI – VIALE REGINA ELENA – VIA TORRE DI MONDELLO – VIA MONDELLO – VIA TOLOMEA – VIA MONGIBELLO – VIA TOLOMEA – VIA PINDARO – VIA STESICORO – VIA MONDELLO – VIALE AIACE VIA DIOMEDE – VIALE AIACE – VIA MONDELLO – VIA PALINURO – PIAZZALE EDOARDO CARACCIOLO (parcheggio GALATEA).

«Tante le criticità che abbiamo fatto notare in sede di riunione, nel corso di due anni. Altrettante le "orecchie da mercante" da parte di chi decide senza aver ben chiare le dinamiche e le esigenze della Borgata - scrive il movimento "Mondello merita di più" -. Siamo per la pedonalizzazione e la ZTL a Mondello, ma fatte in modo razionale, progettato, oculato, efficiente ed efficace. Speriamo che la ZTL in Piazza venga estesa a tutti i fine settimana (sabati domeniche e festivi) h24 e tutti i giorni almeno fino alle 2 del mattino (perché a mezzanotte è insufficiente).

Speriamo che vengano accolte le nostre proposte per alcune variazioni su via Palinuro, viale Galatea, Via Pazienza, fatte tramite la Seconda Commissione Consiliare, Urbanistica e Mobilità (che è stata assurdamente tenuta fuori dai giochi, in questi due anni). Temiamo grandi difficoltà per almeno i prossimi 15 giorni, nel frattempo alcune cose verranno variate in corso d'opera (sicuramente).

Tra le criticità che nei mesi scorsi erano state evidenziate e sottoposta all'amministrazione c'era quella legata ai collegamenti delle navette, che sono quelli che dovrebbero incentivare l'uso dei mezzi pubblici. «Si pensa alla navetta gratuita dal parcheggio Galatea al lungomare, cioè, una distanza che si percorre benissimo a piedi, ma nulla dalla periferia di Mondello, da Addaura, Venere/Olimpo, o dalla stazione di Tommaso Natale. Questa è mobilità fatta con criterio?».

Le osservazioni sono tantissime, ad esempio si chiede una maggiore attenzione al traffico che è aumenttao in maniera esponenziale in viale Galatea (unica via di sbocco ormai), all'incrocio tra lo stesso viale Galatea e la "nuova" via Palinuro che è un punto in cui ormai il traffico si congestiona soprattutto al passaggio degli autobus, che potrebbero invece svoltare per il parcheggio Galatea e da lì reimmettersi sul viale, creando in questo modo anche delle nuove e più utili fermate.

C'è il problema del traffico che è aumentato anche nelle vie interne di Mondello, un tempo percorribili in bicicletta e a piedi, oggi stravolte da nuovi sensi di marcia che le rendono pericolose e impraticabili.

La sperimentazione inizia, ma il caos sembra dietro l'angolo. Bastava forse ascoltare chi Mondello la conosce davvero?







Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI