DOVE MANGIARE

HomeMagazineFoodDove mangiare

Pranzare a un metro dal mare, la piccola rivoluzione di "Zaharaziz", la (nuova) Tonnara Florio

Nel corso della sua storia, la casa della famiglia Florio ha ospitato personaggi illustri tra i quali la Zarina di Russia. Oggi la Tonnara torna a rivivere. Ecco come è cambiata

  • 8 marzo 2021

La Tonnara Florio di Palermo

Il distanziamento sociale, quello che ci impone ormai da un anno di stare ad almeno un metro di distanza gli uni dagli altri, di certo non è una regola che può valere per il nostro amato mare. Specialmente a Palermo, dove il rapporto con l'acqua è a dir poco viscerale.

Immaginate allora di poter essere vicini al mare, ma non per una semplice passeggiata. Chiudete gli occhi e immaginate di stare a un solo metro di distanza dal mare comodamente seduti a un tavolo e di essere serviti da uno staff di camerieri mentre gustate piatti tipici della cucina siciliana, rivisitati in chiave gourmet.

Potete riaprire gli occhi, non è uno scherzo. Il "pranzo a un metro dal mare" è infatti una realtà a Palermo e lo è grazie all’intuizione di chi ha deciso di prendere in mano la gestione della storica Tonnara Florio all'Arenella.

Nasce infatti il nuovo ristorante della Tonnara Florio il cui nome – Zaharaziz – è un insieme di omaggi alla città di Palermo. “Zahra” è il nome arabo del fiore di zagara, simbolo della bellezza, mentre “Aziz” è il nome fenicio di Palermo.



Una bella novità per uno dei luoghi più amati della città che si prepara così a rinascere, seppur con qualche difficoltà legata alle attuali restrizioni antiCovid.

Se per le cene fuori casa, infatti, c'è ancora da aspettare (la Sicilia è ad oggi in "zona gialla"), possiamo per fortuna godere dei pranzi e degli aperitivi al ristorante.

Gli spazi della Tonnara Florio sono stati rimodulati, prediligendo quelli all’aperto anche in vista dell’arrivo della bella stagione. La vera chicca però è quella che dà la possibilità di gustare un aperitivo o di pranzare letteralmente a un metro dal mare, praticamente sulla banchina.

Il nuovo ristorante, la cui cucina è guidata dallo chef Daniele Vescovo (che proviene dalla scuola dello chef Antonino Cannavacciuolo), propone un menu rievocativo della tradizione siciliana con un occhio di riguardo al lato gourmet dei piatti (quello più ricercato e sofisticato).

Si tratta infatti di un menu, a base di pesce e di carne, interamente preparato con ingredienti freschi di giornata ma sempre rivisitati in chiave moderna.

Qualche esempio? Tra gli antipasti risaltano subito all’occhio (e alla bocca) quello che è stato chiamato "Assembramenti senza scampo", a base di gamberi e scampi crudi.

Gli “Amanti perfetti” rappresentano invece l’insolita ma invitante unione tra ricci e gamberi. Si tratta di un primo a base di fettuccine di pasta fresca con gamberone di Mazara e ricci. Per chi preferisce la carne, ecco invece comparire le costolette di Agnello in crosta di pistacchi serviti su crema di patate, con peperoni gratinati profumati al timo.

Il resto lo fa il contesto, storico e paesaggistico, della Tonnara Florio dove si spera presto di tornare anche ad accogliere i grandi eventi, compresi i banchetti, i ricevimenti di matrimonio e le feste private.

Ricordiamo infatti che le origini del complesso della Tonnara dell’Arenella molto antiche. La tonnara venne acquistata nel 1830 da Vincenzo Florio, che ne commissionò la trasformazione all’amico e collaboratore architetto Carlo Giachery. Nacque così l’edificio in stile neogotico chiamato "dei Quattro Pizzi" per le guglie che lo sovrastano.

Una parte della struttura veniva destinata ad abitazione per i fine settimana, tanto che la Tonnara Florio ha ospitato nel tempo tante personalità illustri, tra i quali la Zarina di Russia.

Quest’ultima se ne innamorò talmente da fare riprodurre fedelmente i "Quattro Pizzi" vicino a San Pietroburgo, sulle rive del golfo di Finlandia, nel parco della sua residenza estiva di Peterhof che, in memoria di Palermo, chiamò “Renella”.

Al termine del periodo d'oro, la palazzina I Quattro Pizzi divenne l'abitazione di famiglia dei Florio, mentre la Tonnara rimase in funzione sino ai primi del Novecento, quando poi venne chiusa definitivamente l’attività di pesca.

Il ristorante, per il momento, è aperto solo sabato e domenica, dalle ore 9.00 alle 18.00.

Per maggiori informazioni e prenotazioni basta chiamare la struttura al numero di telefono 091 772 7931 oppure consultare il sito web e i canali social, la pagina Facebook il profilo Instagram della Tonnara Florio.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI