PROGETTI

HomeMagazineTerritorio

Preparare pane e pizza per fare comunità: nel cuore di Ballarò nasce il "forno sociale"

Il forno in muratura è stato installato nel Giardino di Handala, uno dei luoghi di ritrovo simbolo del quartiere. E ora è a disposizione della comunità di Ballarò e non solo

Elena Cicardo
Digital strategist
  • 15 settembre 2020

Il forno sociale all'interno del Giardino di Handala, a Ballarò

Un forno sociale per costruire comunità, preparando insieme pane e pizza da condividere. Nasce nel cuore del quartiere dell’Albergheria, a Palermo, e recupera la pratica più antica e naturale con cui si creano opportunità di socializzazione e di convivialità.

L’iniziativa è promossa da C.A.S.A. a Ballarò (Comunità Attiva e Scuola Aperta a Ballarò), progetto che vede una rete informale composta da associazioni, cooperative sociali, parrocchie, scuole, università, piccoli commercianti, cittadini e rappresentanti istituzionali portare avanti un processo di rigenerazione del quartiere volto ad aumentare i livelli di benessere e le opportunità di crescita educativa per i minori.

Il forno in muratura è stato installato all’interno del Giardino di Handala, uno dei luoghi di ritrovo simbolo del quartiere e ora è a disposizione della comunità di Ballarò e di tutti coloro che vorranno fruirne.



Nei prossimi mesi il forno sociale, gestito dal gruppo di operatori e volontari che fa capo all’Associazione Handala, diventerà il fulcro di iniziative pensate per i bambini e i loro genitori, come laboratori di cucina o di giardinaggio, e saranno occasioni per promuovere stili di vita sana ma anche per rafforzare i rapporti all’interno delle famiglie e tra gli abitanti del quartiere.

«Con C.A.S.A. a Ballarò siamo finalmente riusciti a mettere in piedi quello che era il nostro sogno da molti anni - racconta Lara Salomone, presidente di Associazione Handala. - Stiamo lavorando a un regolamento per il suo utilizzo condiviso che disciplini aspetti pratici come gli orari, il volume della musica per chi voglia organizzare delle feste, la pulizia e naturalmente, in questo momento di emergenza sanitaria, il numero massimo di persone che potranno starci e l’obbligo dei dispositivi di sicurezza.

Dopo di che sarà aperto a molteplici usi: raccolte fondi o eventi delle associazioni, compleanni, cene. Ci piacerebbe che l’utilizzo fosse il più variegato possibile, che tutti all’interno del quartiere sentissero questo».

Molto presto sarà a disposizione, sulla pagina Facebook dell’associazione, un calendario per le prenotazioni, così da evitare che si accavallino diversi gruppi.

In continuità con i processi promossi da SOS Ballarò, la nascita del forno sociale rappresenta un altro strumento al servizio di un quartiere complesso che, attraverso la preparazione e la condivisione del cibo, crea scambio e intimità, promuove un modello di socialità, e di società, inclusiva, aperta e accogliente, coltiva lo spirito di comunità e favorisce processi educativi non formali.

ARTICOLI RECENTI