ITINERARI

HomeMagazineTurismoItinerari e luoghi

Vedere l'Etna da Palermo: i luoghi per vivere panorami da sogno all'alba o al tramonto

Le possibilità sono molteplici e vanno di pari passo con la vostra voglia di camminare a piedi o godere di uno spettacolo della natura al crepuscolo o al sorgere del sole

Dario La Rosa
Giornalista
  • 30 dicembre 2019

L'alba sull'Etna da pizzo Carbonara, sulle Madonie

Sua maestà l'Etna da lontano, proprio come in un dipinto che ritrae anche quello che sembra impossibile da vedere ad occhio nudo. Eppure "Iddu", il vulcano, è sempre lì a sovrastare mezza Sicilia e pronto a lasciarsi osservare da dove meno te lo aspetti.

Ecco allora alcuni dei punti panoramici più belli per poter osservare la montagna che sovrasta Catania ma dalla "lontana" Palermo. Per farlo, e coprire la distanza di oltre 150 chilometri che separa, in linea d'aria, Palermo da Catania, conviene spostarsi sulle Madonie, le cui vette offrono davvero delle location mozzafiato.

Le possibilità sono molteplici e vanno di pari passo con la vostra voglia di camminare a piedi o godere di uno spettacolo all'alba piuttosto che al tramonto.

I puristi della montagna non possono lasciarsi sfuggire l'occasione di osservare la magia dell'Etna innevata da pizzo Carbonara. «Uno spettacolo che si trasforma in una magia proprio al sorgere del sole», ci racconta l'esperta guida escursionistica Giovanni Nicolosi che ci ha fatto da cicerone in questo tour virtuale. Una scelta, però, che richiede un buon impegno fisico e spirito di sacrificio.



I "pigri", invece, possono anche decidere di stare seduti comodamente in auto per godere della vista sul vulcano. Le Madonie offrono almeno due possibilità: la prima è un punto panoramico che troverete lungo la strada che dalle Petralie conduce a Piano Battaglia, a circa 300 metri dall'arrivo e lungo la vallata; la seconda è offerta dalla strada che, sempre dalle Petralie, conduce a Gangi.

Nel primo dei due punti suggeriti sarebbe incredibile osservare la natura in presenza di nebbia bassa: Tutto bianco intorno e le vette dei Nebrodi e dell'Etna che svettano da questa sorta di bambagia. Incredibile è anche la vista dell'Etna, al crepuscolo, con il paese di Gangi abbarbicato sulla montagna e illuminato di quel giallo antico che rende lo spettacolo ancora più bello.

Un'altra possibilità è infine offerta dalla vetta di Monte Spina Puci, dalla parte opposta della "Mufara". Si sale a circa 1700 metri e si può osservare l'Etna che si colora di rosa al tramonto.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI