SANITÀ

HomeNewsAttualitàSanità

Zero contagi da Covid-19, tutti ci speriamo: uno studio rivela la probabile data in Sicilia

La previsione degli statistici dell'Einaudi Institute tiene conto dei dati della Protezione civile, ma tutto dipende anche dai contagi non conosciuti e dai comportamenti di tutti

Balarm
La redazione
  • 31 marzo 2020

Sulla fine dei contagi da Coronavirus c'è una data, ma è ancora un'ipotesi. Ipotesi che però regge le sue basi su dati statistici elaborati sui bollettini emessi ogni giorno dalla Protezione Civile. La data per il giorno dei "contagi zero" sarebbe il 14 aprile ed è stata elaborata dagli esperti dell’Einaudi Institute for Economic and Finance.

Si tratta di una data riferita esclusivamente alla nostra Isola. Le previsioni sull'andamento dei contagi variano infatti da regione a regione e sono state elaborate dagli statistici dell'istituto attraverso l'analisi le curve epidemiche.

Secondo la ricerca, mettendo a confronto il tempo trascorso da quando è scoppiata l’epidemia ad oggi e inserendo nei calcoli i dati a disposizione sul numero dei contagi giornalieri e i guariti, è possibile risalire alla data del 14 aprile come giorno in cui in Sicilia non ci sarò nemmeno un caso di Coronavirus.

​È chiaro che bisogna rimanere cauti. Si tratta pur sempre di una previsione che tiene conto della situazione attuale. Ma tutto dipende anche dai contagi non conosciuti e dai comportamenti di tutti. Vietato quindi abbassare la guardia. Fondamentale continuare a rimanere a casa ed evitare il più possibile le uscite per necessità.

La ricerca stabilisce inoltre tre possibili date sull’interruzione dell’epidemia in Italia, calcolate sempre sulla base dei dati della Protezione Civile.

In Italia il giorno dei contagi zero secondo l’Einaudi Institute dovrebbe arrivare il 5, il 9 o il 16 maggio. I giorni variano in base a ipotesi più o meno ottimistiche sull’andamento dei contagi. Si tratta, avvertono ancora una volta gli statistici, di dati condizionati dalle singole curve epidemiologiche regionali.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI