Progressi (in)civili

HomeBlog › Progressi (in)civili

In ricordo di Aylan Kurdi: insieme a quel bambino sulla sabbia moriva anche l'Europa

La fotografia di quel bimbo senza vita a faccia in giù sulla spiaggia tra la schiuma delle onde, nella sua t-shirt rossa e nei suoi pantaloncini blu scuro, è oggi un ricordo

Enrico Alagna
Medico e attivista
  • 2 settembre 2019

Il piccolo Aylan Kurdi deceduto sulla spiaggia turca di Bodrum (foto Reuters/Stringer)

La fotografia di quel bimbo che giaceva senza vita a faccia in giù sulla spiaggia turca di Bodrum, tra la schiuma delle onde, nella sua t-shirt rossa e nei suoi pantaloncini blu scuro, è oggi un ricordo ormai lontano per tanti, non per me.

Sono immagini queste che non riesco a dimenticare e che vale la pena ricordare. Oggi viviamo in un mondo così fast, così veloce, che non ricordiamo neanche ciò che di più cruento avviene nel mondo. Oggi quell’immagine è solo un ricordo sbiadito. E le dichiarazioni, gli impegni scaturiti dalla vergogna per quel corpicino divenuto in poche ore simbolo ed emblema universale di una tragedia che aveva ormai travalicato il più terribile degli immaginari, sono ormai carta straccia.

Solo parole e ipocrisie cancellate dall'accordo sulla gestione dei migranti sottoscritto dai 28 stati europei a Bruxelles con la Turchia.

Aylan Kurdi aveva compiuto appena tre anni, quando la sua vita è stata spezzata in mare, al largo della Turchia da cui era partito a bordo di un gommone con la sua famiglia. Insieme a lui hanno perso la vita altre 11 persone, tra cui il fratello Galip che di anni ne aveva 5, e la madre.

Unico, disperato, superstite il padre, che non ha mai ottenuto lo status di rifugiato e che è tornato a Kobane, in Siria, da cui lui e i suoi cari erano fuggiti dal terrore della guerra e dell'avanzata dello Stato islamico.

La fotografia scattata da Nilufer Demir è divenuta, in poche ore, simbolo della crisi umanitaria legata all’immigrazione; quell’immagine ha costretto il mondo ad alzare lo sguardo sul dramma dei profughi che rischiano quotidianamente la vita pur di raggiungere un luogo che possa garantirgli un futuro, la speranza di una vita normale, lontano dagli orrori e dalle sofferenze delle loro terre.

Dopo la costruzione di nuovi muri, dall'Ungheria alla Macedonia, la chiusura della rotta balcanica, l'invio di navi da guerra per pattugliare l'Egeo e riportare indietro tutti quelli pronti ad attraversare quel tratto di mare, e l’approvazione del decreto sicurezza in Italia, l'Europa ha fatto un patto col diavolo, pur di difendere i propri confini.

Gli stati membri dell’Unione Europea fingono, però, di non sapere che nonostante i loro muri di sabbia, di cemento, di filo spinato e, in ultimo caso, di articoli legislativi, non riusciranno mai a bloccare i flussi migratori che, aiutati da mercanti di vite umane senza scrupoli, troveranno altre vie per raggiungere le coste di quel continente che ha basato la propria costituzione sul rispetto della dignità umana e su principi come la libertà, la democrazia, l'uguaglianza e lo stato di diritto.

Questi valori, che dovrebbero essere comuni agli Stati membri, per i padri costituenti erano i pilastri di una società fondata sul pluralismo, sull’inclusione, sulla non discriminazione, sulla tolleranza, sulla giustizia e sulla solidarietà.

Ma oggi l'Europa tradisce sé stessa, rinnegando quei principi. Su quella spiaggia a Bodrum, il 2 settembre 2015 è morta anche l'Europa. Si è persa l'ultima occasione per dimostrare di essere all'altezza della Storia e delle proprie fondamenta.

ARTICOLI RECENTI