LE VIE DEI TESORI
HomeEventiLe Vie Dei Tesori

L'anfiteatro, il forno mistico e le terme: "Le Vie dei Tesori" fa scoprire Termini Imerese

  • Vari luoghi - Termini Imerese (Pa)
  • Dal 16 settembre all'1 ottobre (solo sabato e domenica) (evento concluso)
  • Consulta gli orari nell'articolo
  • 3 euro (singolo ingresso), 10 euro (4 visite), 18 euro (10 visite)
  • Coupon per visite ed esperienze acquistabili online o negli info point allestiti durante il Festival in ogni città. Per le esperienze i coupon sono di valore variabile. Info al numero 091 8421121 (tutti i giorni, dal lunedì al venerdì dalle 12.00 alle 18.00, sabato e domenica dalle 12.00 alle 20.00)
Balarm
La redazione

Il Grand Hotel Delle Terme di Termini Imerese

Un progetto che si anima della narrazione collettiva, della voglia di riappropriazione dei cittadini, della partecipazione delle centinaia di giovani che ogni anno si uniscono alla squadra di organizzatori, narratori, esperti del territorio e giornalisti.

L'edizione 2023 de "Le Vie dei Tesori" in Sicilia riparte sabato 16 settembre e va avanti, sempre sabato e domenica, fino all’1 ottobre. Tre week end per un nuovo festival di "riappropriazione della bellezza" che racconta l’intera Isola.

Tra le dieci città di questa prima tranche c'è Termini Imerese. Quest’anno apriranno per la prima volta i depositi del Museo civico, che ospita anche due chiese di valore inestimabile; la chiesa di San Gerolamo con l’inedito forno mistico, la Biblioteca Liciniana con il chiostro e l’anfiteatro romano. Apre di nuovo le porte il Grand Hotel delle Terme che è stato il sito più visitato in Sicilia nella scorsa edizione del Festival.
Adv
Nove luoghi ma anche tre passeggiate d’autore, nove eventi teatralizzati e due esperienze, un giro in barca per scoprire Termini dal mare, ma soprattutto un percorso inedito attraverso siti di solito inaccessibili come due oratori affrescati del Collegio dei Gesuiti, uno dei più antichi Santuari Mariani di Sicilia, e il settecentesco Monte di Pietà con il tesoro del Santuario. 

Il programma, le info e le schede dei siti di Termini Imerese sono consultabili online sul sito delle "Vie dei tesori"

LE VISITE
Apriranno per la prima volta al pubblico i depositi del Museo Civico “Baldassare Romano” (acquista online) dove sono conservati reperti archeologici, opere di interesse storico-artistico, e uno degli unici quattro esemplari impagliati di lupo siciliano. Tra i pezzi esposti, non si possono non citare il ritratto della nobildonna romana Giulia Drusilla, le opere del Gagini, del Novelli e un bozzetto del Bernini. 

Al suo interno il museo ospita anche la chiesa di Maria SS. della Misericordia, che conserva la “lapide del tonno” (1572), con incise le fasi della mattanza e al suo interno è visitabile anche una straordinaria collezione di bonsai giapponesi artistici. 

Tra i luoghi che il festival riapre per la prima volta, da non perdere è l’ottocentesca Biblioteca Liciniana che conta oltre 102 mila volumi e manoscritti, un’emeroteca e 4.500 volumi dalla biblioteca di San Martino delle Scale (acquista online). Ma è anche il sito a riservare più sorprese: dal seicentesco convento delle Clarisse che oggi ospita la biblioteca, si ha una vista sul chiostro e sull’anfiteatro romano (il terzo per grandezza in Sicilia) sui cui resti il convento venne costruito.

Apre la chiesa cinquecentesca degli “Scappuccini” o di San Girolamo  (acquista online) che a metà Seicento venne co-intitolata a Santa Rosalia per "esplicita richiesta" della Santuzza, apparsa in sogno ai frati. È un vero museo d’arte della comunità cappuccina: macchine lignee seicentesche e settecentesche, un ciborio in legno, reliquiari, paliotti, tele e sculture. Nella sacrestia un raro forno mistico, particolare costruzione posta dietro l’altare maggiore, che accoglieva religiosi dediti alla contemplazione. 

Previste visite teatralizzate dei ragazzi: sabato 16 settembre condurranno gli allievi dell’ICS “Balsamo-Pandolfini", e il 30 settembre toccherà invece ai ragazzi dell’ICS “Tisia d’Imera”. 

Ovviamente il ruolo da protagonisti se l’aspettano di nuovo le Antiche Terme Romane (acquista online), citate da Diodoro Siculo e amate da tutti gli invasori, dai romani ai normanni e l’ottocentesco Grand Hotel delle Terme (acquista online), che l’anno scorso ha visto le code dei termitani impazienti di varcarne le porte. La sua golden age fu tra il 1910 e il 1960 quando venne utilizzato come quartier generale della Targa Florio, e ospitò spesso Enzo Ferrari.   

Gli altri luoghi sono una vera immersione nella storia della città, antica e recente, a partire dalle chiese preziose: la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria (acquista online) con il sorprendente ciclo di affreschi di fine ‘400 che racconta la vita della santa e la lunga iscrizione in lingua siciliana antica. 

Da non pedere anche la visita alla Chiesa di Maria Santissima Annunziata (acquista online) con il suo crocifisso miracoloso sotto la cupola di esotiche Azulejos e alla Chiesa di Sant’Orsola (acquista online), situata in quello che era l’antico quartiere arabo “Delli balati”, che si mostra in realtà come due chiese sovrapposte e dove potrete conoscere la suggestiva leggenda del Santo Baddàru.

Ancora, la straordinaria Cammara Picta, il ciclo di affreschi seicenteschi dentro il palazzo del Comune (acquista online), chiamato anche Palazzo del Magistrato, antica sede del Senato cittadino. 

LE PASSEGGIATE
Le tre passeggiate condurranno alla scoperta del Riparo del Castello, ovvero dei siti archeologici del territorio (acquista online),  il sito di Mura Pregne, di epoca anteriore alla fondazione di Himera, che comprende un muraglione ciclopico ed un dolmen.

Molto interessante la passeggiata Viaggio nella Termini romana (acquista online), che condurrà alla scoperta delle vestigia romane ancora visibili. Il percorso si chiuderà con uno spettacolo di gladiatori a cura di Termini D’Amuri e una degustazione di cannolo e Marsala. 

Infine, per gli appassionati della preistoria, c'è il percorso Un viaggio nella Preistoria (acquista online) tra i reperti conservati al Museo Civico, il panoramico parco urbano "Paolo Balsamo", per poi raggiungere, a mezza costa sul promontorio di Termini, il Riparo del Castello, uno dei più significativi siti paleo-mesolitici europei.

LE ESPERIENZE
Ammirare Termini Imerese dal mare è un'esperienza da fare assolutamente. Una straordinaria uscita in barca per ammirare la bellezza della città da un’altra prospettiva, al largo del suo golfo (acquista online) e con tanto di aperitivo al tramonto.

Un'esperienza alla scoperta della Termini tardo-barocca è quella condotta dalla professoressa Maria Rita Costanza che vi farà scoprire i siti di solito chiusi al pubblico come due oratori affrescati del Collegio dei Gesuiti attribuiti a Vincenzo La Barbera e al Randazzo e Firrigno; ma anche gli stucchi realizzati dagli allievi del Serpotta, Guastella e Sanseverino, le tele del Pollace, Bonanno, Vesco, De Blasio e Krauss (acquista ora). 

GLI EVENTI
Pronto anche quest’anno un mini programma nel programma, sei spettacoli/visite teatralizzate in luoghi simbolo della città.

Due gli spettacoli nel teatro naturale di Villa Palmeri:  sabato (16, 23 e 30 settembre) tre turni ciascun giorno per LUX, spettacolo di danza e giocoleria,  con gli artisti illuminati solo dalla luce dei loro attrezzi a LED; a cura dell’A.s.d. B.A.C. Ballet Academy Cefalù, direzione artistica di Soraya La Bua (acquista online). 

Domenica 17 e 24 settembre Il Museo dell’Altrove, emozionante passeggiata crepuscolare nell’ arte tra recitazione, danza, canto e sculture in movimento: i protagonisti faranno rivivere le più belle statue classiche, da Amore e Psiche del Canova alla Pietà di Michelangelo e,  a cura di Arte e Passione, direzione artistica di Mara Fasulo e Saveria Scarcinelli (acquista online). 

Sarà invece il Teatro Zeta ad ospitare nell’ultimo weekend, un adattamento della novella di Pirandello, La sagra del signore della Nave, regia di Piero Macaluso, con Sergio Monachello, Simona Indovina, Stello Pecoraro e i ragazzi della Scuola Piccola di Teatro Zeta (acquista online).

Il 17 settembre, nella chiesa di Santa Caterina, l’attore termitano Mimmo Minà leggerà i racconti di Andrea Camilleri (acquista online); e il 24 al museo civico, il Lion club Termine Imerese Host organizza  Dialoghi – Universo femminile in scena, serie di monologhi e dialoghi interpretati da attrici sulle musiche degli anni ’60 (acquista online). 

COME PARTECIPARE
Per partecipare a Le Vie dei Tesori basta acquisire il coupon per l’ingresso con visita guidata sul sito web del festival o negli infopoint allestiti durante il Festival in ogni città. Un coupon da 18 euro è valido per 10 visite, da 10 euro per 4 visite e da 3 euro è valido per un singolo ingresso. Per le passeggiate è previsto un coupon da 8 euro. Per le esperienze, i coupon sono di valore variabile. Consigliata la prenotazione on line.

A chi prenota viene inviata per mail una pagina con un codice QR con giorno/orario di prenotazione da mostrare all’ingresso dei luoghi sul proprio smartphone o stampata. In alternativa, ci si può presentare all’ingresso dei luoghi mostrando la pagina con il codice QR ricevuta via mail al momento dell’acquisto, ma si entrerà solo se ci sono posti disponibili.

I coupon non sono personali e possono essere utilizzati da più visitatori, anche simultaneamente e in posti diversi, fino a esaurimento del loro valore. Nei luoghi disponibili solo ticket da 3 euro.

I coupon sono validi nelle città all’interno della stessa provincia: quindi quelli acquistati a Termini Imerese saranno validi anche per Bagheria e Corleone. 
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE