TEATRO & CABARET

HomeEventiTeatro & Cabaret

Le "Baccanti" di Euripide al Teatro Greco di Siracusa: l'esordio del regista catalano Carlus Padrissa

  • Teatro Greco di Siracusa - Siracusa
  • Dal 4 al 30 luglio e dal 4 al 20 agosto 2021 (solo giorni pari)
  • 20.00
  • Da 28 a 55 euro (dalla domenica a giovedì), da 28 a 68 euro (venerdì e sabato)
  • Biglietti e abbonamenti acquistabili online sul sito della Fondazione Inda. Chi ha acquistato i biglietti nel 2020 può convertirli per assistere agli spettacoli 2021. Info ai numeri 800 542644 0931 487248 oppure scrivere una mail all'indirizzo biglietteria@indafondazione.org
Balarm
La redazione

Lucia Lavia (Dionisio) e Ivan Graziano (Penteo) durante le prove delle Baccanti (foto Ballarino)

Al Teatro Greco di Siracusa tornano le rappresentazioni classiche con tre produzioni inedite che mirano a rinnovare il dramma classico attraverso lo sguardo di grandi artisti contemporanei e ripropongono in parte il programma del 2020 annullato causa Covid.

Esordisce al Teatro Greco di Siracusa, dal 4 al 30 luglio e dal 4 al 20 agosto, il catalano Carlus Padrissa alla regia delle Baccanti di Euripide.

Padrissa è tra i fondatori della Fura dels Baus, compagnia celebrata nel mondo per la capacità di riscrivere il linguaggio del teatro contemporaneo.

LA TRAMA 
Il dio Dioniso arriva dall’Oriente, con un seguito di Baccanti asiatiche, fino a Tebe, dove la sua famiglia non riconosce né lui né il suo culto. Le donne di corte, invasate dal dio, fuggono sui monti a celebrarne i riti, mentre il vecchio re Cadmo e l’indovino Tiresia si adeguano.

Solo il re Penteo, cugino del dio, rifiuta quel culto e combatte il dio, ma verrà sedotto, ingannato e persuaso infine a seguire Dioniso sui monti , dove è vittima del delirio della sua stessa madre Agàve, e scambiato per una fiera, viene da lei scannato.

Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE