MUSICA E DANZA

HomeEventiMusica E Danza

Musiche e canti della tradizione ebraica tra gli stucchi del Serpotta: lo Shalom Nigun Ensemble in concerto

Balarm
La redazione

Pietro Marchese

Note e canti della tradizione ebraica risuonano tra gli splendidi e candidi stucchi del Serpotta: il 20 dicembre lo Shalom Nigun Ensemble porta il suo repertorio all'Oratorio del Rosario in Santa Cita, situato in via Valverde nel cuore di Palermo.

Il concerto è solo uno degli appuntamenti di "Exstasis", progetto culturale che illumina il Natale di Palermo per tutto il mese di dicembre e che coinvolge le più belle chiese del centro storico (ne abbiamo parlato qui).

"Exstasis" porta la firma di Vincenzo Montanelli e dell’associazione Ignazio Florio ed è realizzato in collaborazione con l’Ufficio Beni culturali della Diocesi e il sostegno dell’assessorato regionale al Turismo nell'ambito di "Invisibilia", rassegna voluta e curata proprio dalla Diocesi di Palermo allo scopo di coinvolgere i cittadini in una più corretta e intensa fruizione dell'arte nata per la preghiera.

E la performance dello Shalom Nigun Ensemble si inserisce perfettamente in questa vision, con il suo repertorio di musiche e canti che ripercorre la più antica tradizione ebraica.

Una tradizione in cui la musica ha un ruolo centrale nella vita dei fedeli, sin dai tempi biblici, e che nel tempo ha accolto le influenze dei Paesi ospitanti di ciascuna comunità ebraica, riflettendone le culture e le peculiarità.

Musiche e canti prendono qui vita grazie alle voci di Manuel Sarzana, Michele Alamia e Maurizio Maiorana, ai plettri di Pietro Marchese, alla chitarra di Nicola Marchese e al contrabbasso di Romina Denaro.

Per accedere al concerto, in programma alle 18, è necessario acquistare il ticket di 5 euro online sul sito web della manifestazione oppure in loco, a partire da un'ora prima del concerto.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE