MUSICA & DANZA

HomeEventiMusica & Danza

Un coro multietnico e i temi della migrazione: a Villa Filippina debutta "Miracolo in chorus"

  • Villa Filippina - Palermo
  • Dal 16 al 17 settembre 2020 (evento concluso)
  • 21.00
  • 10 euro (ingresso con consumazione)
  • Prenotazioni al 328 1994475 o via mail a.c.suttascupa@gmail.com. Info al 347 9401521
Balarm
La redazione

La compagnia Sutta Scupa nello spettacolo "Miracolo in chorus"

Una riflessione anche su Palermo e la Sicilia e sulla loro identità.

In scena i temi della migrazione, dei cambiamenti della società e dell'essere umano che si trasforma. E poi anche il tema della sepoltura, criticità cronica di una città come Palermo dove le bare rimangono accatastate per mesi in attesa di essere sistemate al loro posto.

Debutta a Villa Filippina mercoledì 16 e giovedì 17 settembre lo spettacolo “Miracolo in chorus” della compagnia Sutta Scupa, scritto e diretto da Giuseppe Massa.

In scena, accanto a Paolo Di Piazza e Marco Leone, un coro multietnico composto da otto donne africane e palermitane: Leslie Assie, Giada Baiamonte, Ilenia Di Simone, Fatoumatta Drammeh, Joy Erobar, Valeria Sara Lo Bue, Ylenia Modica e Memory Mutanuka.

Il coro multietnico che apre e chiude lo spettacolo articolando e dando forza alla drammaturgia, partorisce una bara e due fratelli. Sono Antonio e Bernardo, due becchini precari, che hanno il compito di seppellire un migrante defunto, ma il cimitero della città è stracolmo. Da ciò scaturisce un agro divertissement in cui i due provano senza riuscirci a sbarazzarsi del corpo esanime.



«Abbiamo deciso di rimetterci in gioco dopo i duri mesi del lockdown – dice Massa – Anche se per le piccole realtà teatrali non è certo facile ripartire. Ma era importante riaccendere i motori e lo facciamo in uno spazio all’aperto viste le prescrizioni del momento legate alla pandemia. Il tema dello spettacolo è una riflessione sull’umanità più che mai attuale in questo momento e sul sentirsi straniero.

Investighiamo la progressiva disumanizzazione della nostra società. Analizziamo questo processo di trasformazione mettendolo in relazione con il concetto di santità. Il dialogo-conflitto è il fulcro dello spettacolo: santo vs umano; umano vs bestia; luce vs buio. La nostra idea è continuare la ricerca all’interno di un percorso laboratoriale, facendo crescere il progetto di una compagnia sempre più multietnica. Il grande limite è non avere una sede dove lavorare. Ma il nostro vuole essere un laboratorio permanente».

Lo spettacolo è nato all’interno di Write 2016 (residenza creativa che coinvolge drammaturghi italiani ed europei all’interno del monastero di Mandanici a Messina), poi è stato condiviso con il pubblico in forma di studio al Teatro alla Guilla di Palermo.

L'anno scorso, sempre in questa formula, lo spettacolo è stato al Festival Primavera dei Teatri di Castrovillari e all'Italian focus in Grecia.

Villa Filippina

Piazza San Francesco di Paola 18 - 90138 Palermo
Vedi mappa

PROSSIMI EVENTI