ESCURSIONI & GITE

HomeEventiEscursioni & Gite

Una domenica di trekking alla scoperta di Monte Gallo con il Club Alpino: come partecipare

  • Monte Gallo - Palermo
  • 22 novembre 2020 (evento concluso)
  • 8.30 (raduno in piazza Valdesi, ex Sirenetta)
  • 10 euro (contributo non soci)
  • Info e prenotazioni al numero 328 7953891
Balarm
La redazione

La vista da Monte Gallo (foto di Francesco Raineri)

Monte Gallo, il massiccio carbonatico di Palermo che si trova all'interno della riserva di Capo Gallo, è una meta ideale per un'escursione autunnale.

Il promontorio, alla cui estremità si trova Capo Gallo sul quale è situato un faro che ne segnala la posizione, si trova nella zona nord-occidentale di Palermo e separa i due golfi di Mondello e Sferracavallo che ospitano gli omonimi quartieri marinari della città. 

Il Club Alpino Italiano ci porta alla sua scoperta, domenica 22 novembre, facendoci salire a 561 metri di altezza.

Programma

Il ritrovo dei partecipanti è previsto a piazza Valdesi (ex Sirenetta) alle 08.30. Da lì si prosegue, con automezzi propri, per Mondello (via Tolomea) e per la Riserva Naturale Orientata di Capo Gallo.

Il percorso è lungo circa 7 chilometri per un tempo di marcia di circa 3 ore e 30 minuti. Dislivello di 500 metri e Difficoltà E.

Si percorre un tratto su stradella e poi il sentiero per Bauso Rosso, Coda di Volpe, Piano dello Stinco ed ex Semaforo. È prevista colazione al sacco.

La discesa si svolge lungo la stradella dal versante Ovest. Dislivello: m 500 Lunghezza del percorso: Km 7 circa Tempo di marcia: ore 3,30' circa Natura del percorso: stradella, sentiero, tratti di terreno naturale Difficoltà: E

Obbligatorio l’uso di scarponi da escursionismo. 

Consigliato l’uso di abbigliamento tecnico, adeguato alla stagione.

Ai partecipanti non soci si raccomanda di provvedere alle relative assicurazioni, infortuni e soccorso alpino, entro giovedì 19 novembre. Per l'intero regolamento di partecipazione alle escursioni in periodo di emergenza Covid è possibile consultare il sito del Club Alpino Italiano

COSA C'È DA FARE