MOBILITÀ

HomeMagazineTerritorio

Maqueda e Cassaro pedonali, via Roma a doppio senso e decori: Palermo cambia

Il centro storico di Palermo si prepara a cambiare volto: tra decoro urbano, novità nei sensi di marcia e blocchi è stata approvata la "delibera delle delibere"

Balarm
La redazione
  • 12 luglio 2019

Via Maqueda pedonale a Palermo

Su proposta del Dirigente del Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico, condivisa dall’Assessore al ramo, Giusto Catania, la Giunta Comunale ha approvato ieri la delibera n.125, che statuisce la “Delimitazione e istituzione di Zona a Traffico Limitato (ZTL) nel tratto di via Maqueda compreso tra le piazze Villena e Giulio Cesare e nel tratto di via Vittorio Emanuele compreso tra via Porto Salvo e piazza Villena”.

Nel dettaglio, viene delimitata la Zona a Traffico Limitato (Ztl) nel tratto di Via Maqueda compreso tra le piazze Villena e Giulio Cesare e nel tratto di via Vittorio Emanuele compreso tra via Porto Salvo e piazza Villena e viene dato mandato al Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico per la predisposizione di un'apposita Ordinanza, con cui – entro il 30 luglio – avremo due nuove Zone a traffico limitato

La prima Zona a traffico limitato è nel tratto stradale della via Maqueda compreso tra le piazze Villena e Giulio Cesare, ivi inclusi gli opportuni attraversamenti, prevedendo di suddividere la sede stradale secondo le medesime modalità vigenti negli spazi stradali e si chiamerà "ZTL Maqueda" (tratto tra le piazze Verdi e Villena).

La seconda Zona a Traffico Limitato è nel tratto stradale della via Vittorio Emanuele compreso tra via Porto Salvo e piazza Villena e prende il nome di "ZTL Palermo Arabo-Normanna".

Le due nuove zone sono attive dalle ore 10 alle ore 7 del giorno successivo e possono passare soltanto I veicoli delle forze dell’ordine e quelli di soccorso dei presidi sanitari ed ospedalieri, esclusivamente in emergenza.

Possono ovviamente passare tutti i residenti nel tratto interessato della via Maqueda e di via Vittorio Emanuele (il tratto tra le vie Porto Salvo e Roma, chiamato "Cassaro Basso") e in tutte le vie adiacenti alla stessa che risultino non altrimenti raggiungibili e chi è diretto verso strutture ricettive, non raggiungibili da altre strade.

Possono passare anche tutti i veicoli dei servizi turistici di linea, i taxi, le auto a noleggio con conducente per trasporto di persone e le auto della flotta del Car Sharing.

Verrà lanciato un pass con tanto di deroghe di cui ai precedenti punti b) e c), previa istanza da presentarsi, anche e preferibilmente per posta elettronica, al Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico, cui competerà l’istruttoria, ai fini dell’ammissibilità della richiesta, individuando gli Uffici della I Circoscrizione e quelli della Postazione decentrata a piazza Marina.

Verranno disposte delle aree - distanziate tra loro circa m. 200 - da adibire a zona di carico e scarico delle merci, in favore degli esercizi commerciali.

Probabiilmente un'ordinanza dirigenziale disporrà eventuali piccoli tratti di strada nei quali consentire il libero transito al fine di collegare funzionalmente due traverse equiverse e simili, in modo da consentire percorsi di attraversamento.

Infine il Comune dà mandato all’Amat per la predisposizione immediata della segnaletica, alla RAP per l’attuazione di un piano di adeguamento del regime dei servizi di spazzamento e raccolta dei rifiuti nei tratti stradali in oggetto, all’Assessorato al Decoro per la definizione e messa in opera di un progetto di arredo urbano ed al Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico per la predisposizione di un'ordinanza che disciplini, previo apposito piano di circolazione, il doppio senso di circolazione nella via Roma, a supporto delle scelte operate con l’istituzione delle Zone a Traffico Limitato oggetto del presente atto.

Quanto sopra – si legge nella delibera – atteso che "nel programma del Sindaco è stata riservata una particolare attenzione alle problematiche riguardanti la restituzione ai cittadini di particolari spazi urbani individuando nuove aree di intervento da adibire, in particolare, alla fruibilità pedonale" individuando "il Centro Storico, le zone ad esso adiacenti e le borgate storiche, quali polarità nelle quali avviare concrete iniziative di sviluppo sostenibile, perseguendo decise politiche di alleggerimento del traffico e di introduzione di isole pedonali, finalizzate alla riqualificazione ambientale".

«Un nuovo importante provvedimento – dichiarano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania - che è certamente pratico, ma che esprime il profondissimo cambiamento culturale della nostra città: oggi sono stati i residenti e i commercianti di queste vie a chiedere a gran voce la pedonalizzazione. Quegli stessi residenti e commercianti che 6 anni fa avevano annunciato - e, a volte, fatto - le barricate contro le pedonalizzazioni. Tutti hanno finalmente compreso come la vivibilità non sia soltanto utile per respirare meglio ma sia anche conveniente per creare e rafforzare condizioni economiche e di sviluppo».

articoli recenti