ECONOMIA

HomeMagazineTerritorioAttualità

Coronavirus e lavoratori autonomi: c'è una norma per dare ossigeno alle partite Iva

Si tratta di un provvedimento che dà evidenza al fatto che sono i lavoratori autonomi quelli che più di altri sosterranno il peso economico di questo blocco

Giovanni Callea
Esperto di marketing territoriale e sviluppo culturale
  • 13 marzo 2020

(foto Pixbay)

La Conferenza delle Regioni, anche su proposta della Regione Siciliana, ha approvato una norma a sostegno delle partite IVA e dei Collaboratori coordinati.

Si tratta di un provvedimento del tutto nuovo, quanto opportuno, che dà evidenza al fatto che sono i lavoratori autonomi quelli che più di altri sosterranno il peso economico di questo blocco.

In pratica la norma prevede che in tutti i territori investiti dal provvedimento del Presidente del Consiglio dello scorso 8 marzo, in pratica tutta Italia, sia riconosciuto un indennizzo fino a 15.000 euro, da computare sulla base del periodo di inattività. Le domande andranno presentate all’INPS e sarà l’INPS a determinare l’importo del rimborso.

La norma per essere esecutiva deve adesso essere approvata dal Parlamento nazionale.

Io sono a casa, come molti lavoratori autonomi, in ottemperanza al decreto del Presidente del Consiglio. Chi come me non vive di stipendio subisce più di altri l’indeterminazione di questi tempi. E più di altri si trova nell’incertezza di non sapere da cosa ripartire e cosa troverà ancora in piedi alla fine di questa drammatica situazione.

Credo che i lavoratori autonomi siano un pilastro importante e fragile del sistema economico italiano, e credo che tenerne conto da parte delle Regioni, e spero anche da parte del governo e del Parlamento, sarà una seria dimostrazione di responsabilità e rispetto per questo comparto.

Per adesso va il mio plauso al presidente Musumeci ed agli altri Presidenti di Regione che hanno varato la norma.

Qui l’articolo integrale pubblicato sulla pagina del vicepresidente Armao.

ARTICOLI RECENTI