PERSONAGGI

HomeMagazineLifestylePersonaggi

Coronavirus, negli Usa tutti pazzi per Fauci: l'immunologo "guru" ha origini siciliane

Anthony Fauci, 79 anni, il più grande esperto di malattie infettive statunitense, ha conquistato tutti gli americani, e adesso è super osannato sui social

Balarm
La redazione
  • 3 aprile 2020

Anthony Fauci (a destra) e il saluto col gomito tipico di questo periodo

La sua timidezza e la compostezza con cui si tocca la fronte mentre snocciola dati e fa previsioni, hanno conquistato gli americani, e adesso è super osannato sui social, ci sono magliette e calzini con la sua faccia, insomma tutti gli Stati Uniti sono pazzi per Anthony Fauci, ma pochi sanno che ha origini siciliane.

Ogni volta che Anthony Fauci, 79 anni, il più grande esperto di malattie infettive statunitense parla in modo pacato, senza frasi fatte, in pubblico, Donald Trump dietro di lui lo guarda teso e, alle spalle dello scienziato, sembra scomparire, come se fosse inghiottito da un'ombra.

Fauci dice la verità che fa male sul Coronavirus, ma sa come dirla, con lealtà, compostezza e fermezza, che sembrano valori di altri tempi, ma di questo abbiamo bisogno adesso più che mai, di sapere la verità con estrema lealtà e di qualcuno che ci dica qual è la strada giusta da seguire per non fare errori che potrebbero costarci molto cari.



E quando si tratta di scienza contro fantascienza non teme di contraddire il presidente, anche perché senza pretese ne ha consigliati già sei prima di lui.

Fauci nacque in una famiglia di origini italiane da Stephen Fauci e Eugenia Fauci, che possedevano una farmacia. I suoi nonni paterni, Antonino Fauci e Calogera Guardino, erano di Sciacca. Sua nonna materna, Raffaella Trematerra, proveniva da Napoli, mentre suo nonno materno, Giovanni Abys, nacque in Svizzera. Tutti i bisnonni emigrarono in USA alla fine dell'800.

Direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, nato a Brooklyn, Fauci ha contribuito in maniera fondamentale nel campo della ricerca sull'Aids e altre immunodeficienze. Trump ha perfino dovuto smentire pubblicamente di detestarlo.

"Ne ho grande rispetto", ha scritto su Twitter dopo che troppe volte era stato notato a guardarlo con occhi socchiusi, il mento sollevato a voler schiacciare quel topino portatore di orizzonti troppo tetri, la bocca distorta in una smorfia. E ora che il dottore è stato messo sotto scorta dopo aver subito minacce, la reazione di empatia degli americani è ancora più forte.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI