MOBILITÀ

HomeMagazineSocietàMobilità

Due nuove aree pedonali a Palermo: rivoluzione in via Ruggero Settimo e via Amari

Con l'obiettivo di incoraggiare l'uso pedonale di piazze e strade, la giunta ha approvato la pedonalizzazione delle due arterie in pieno centro a Palermo. Ecco cosa cambia

Balarm
La redazione
  • 15 aprile 2021

via Ruggero Settimo di Palermo

Due nuove grandi aree pedonali a Palermo. Con l'approvazione della delibera da parte della giunta comunale, via Emerico Amari e via Ruggero Settimo vengono ufficialmente chiusi al traffico.

In via Ruggero Settimo il provvedimento che riguarda l'intero tratto di strada è "sperimentale" per la durata di un anno.

In via Emerico Amari, i tratti che diventano pedonali sono invece quello compreso tra via Francesco Crispi e via Michele Miraglia e quello compreso tra via Principe di Scordia e la via Ruggero Settimo.

I principali obiettivi del Piano per il miglioramento della mobilità pedonale sono «incoraggiare l’uso pedonale degli ambiti urbani (piazze e strade) di maggiore frequentazione e pregio urbanistico-storico-architettonico-monumentale, tramite interventi ed iniziative che risolvano gli antagonismi con le altre componenti fondamentali del traffico e consentano l’installazione di adeguato arredo urbano, riqualificando così parti significative della città.



E ancora, si legge nell'ordinanza, «favorire la pedonalità, vista come modalità di trasporto iniziale e finale dei movimenti effettuati con mezzi collettivi pubblici e/o con veicoli elettrici; elevare la continuità, il livello di sicurezza e la percorribilità dei percorsi pedonali, da intendere percorsi lungo la viabilità stradale e di attraversamento della stessa.

Valorizzare il trend della realtà croceristica nel porto di Palermo che ha rappresentato e continuerà, in fase post pandemia Covid 19, a rappresentare un’occasione di sviluppo economico della città richiedendo interventi mirati al miglioramento della qualità dell’offerta di accoglienza che la città di Palermo intende riservare al flusso turistico».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI