CROWDFUNDING

HomeMagazineSaluteSanità

Emergenza Coronavirus: una raccolta fondi per il "Covid Hospital" di Partinico

Giovanni Luca D'Agostino, dirigente medico di anestesia e rianimazione presso l'Ospedale Civico di Partinico, rivolge alla popolazione un accorato appello

Enrico Alagna
Medico e attivista
  • 15 marzo 2020

L'ospedale di Partinico

L'ospedale “Civico” di Partinico è stato esclusivamente destinato per le finalità di cura di pazienti affetti da Coronoavirus. È quanto disposto dall'ASP di Palermo, che ha riconvertito la struttura di Partinico a Covid Hospital.

«Aiutaci a sostenere l’Ospedale Civico di Partinico e i Medici, gli Infermieri e il personale sanitario tutto che stanno lavorando per il bene della nostra collettività contro le patologie di ogni giorno e la minaccia ormai concreta e presente del Coronavirus. Useremo i soldi per comprare maschere e tute di biocontenimento, accessori e macchinari per le intubazioni e la gestione dei pazienti infetti. Insieme si può vincere».

È l'invito che Giovanni Luca D'Agostino, medico anestesista e rianimatore presso il 118, presso il servizio di elisoccorso 118, e non ultimo dirigente medico di anestesia e rianimazione presso l'Ospedale Civico di Partinico, ha rivolto alla popolazione al fine di provvedere all'acquisto dei DPI, di macchinari e accessori per le intubazioni e la gestione dei pazienti infetti.

Come? Semplice, tramite il sistema di raccolta fondi su gofundme.com. Milioni di persone considerano GoFundMe la destinazione numero 1 per la raccolta fondi online. Ecco perché la piattaforma di GoFundMe è la più utilizzata e ha raccolto più denaro di qualsiasi altra.

«Molti in questi giorni - spiega Giovanni Luca D'Agostino - ci chiedono come poter essere d'aiuto: eccolo il modo, aiutateci, aiutate noi medici e tutto il personale sanitario, aiutateci a proteggerci per proteggervi».

Contribuiamo alla raccolta fondi avviata da Giovanni Luca D'Agostino. La Sicilia è un popolo che si è sempre distinto per l'essere solidale, siamolo anche stavolta. Ne vale la pena.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI