ITINERARI E LUOGHI

HomeMagazineCulturaItinerari e luoghi

Fu fortezza e luogo di torture, oggi è un prestigioso museo: il castello dei Conti di Modica

Prende nome dai Conti che ne furono proprietari dal 1410 al 1812 ma si trova ad Alcamo. Con la sua robusta mole ha protetto la città e resistito per secoli a violenti attacchi tra cui quello del terribile corsaro Barbarossa

Jana Cardinale
Giornalista
  • 8 dicembre 2021

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Il castello di Alcamo

Maestoso e affascinante, avvolto da un’atmosfera che ne evoca piccoli e grandi segreti, assieme alla ricca storia della città di Alcamo, il Castello dei Conti di Modica, abbondante di ambienti da scoprire, fortezza inespugnabile e prestigiosa dimora di Enrico e Federico Chiaramonte - che probabilmente lo costruirono tra il 1340 e il 1350 – accoglie il visitatore con un soffio di eleganza che si trasforma in stupore.

Prende nome dai Conti che ne furono proprietari dal 1410 al 1812, e con la sua robusta mole, impostata su una pianta romboidale, e le quattro torri alternate, due cilindriche e due quadrate, ha protetto la città e resistito per secoli a violenti attacchi, tra cui quello famigerato di un pirata islamico, il corsaro Barbarossa.

Sull'ampia Piazza della Repubblica, il magnifico Castello di Alcamo ha costituito, assieme al Castello di Salemi e a quello di Calatafimi, un triangolo fortificato contro le invasioni provenienti da Mazara e dirette verso Palermo. Nel 1400 erano addetti alla sua custodia, oltre al Castellano, dodici onorati compagni, impegnati con giuramento. Il Castello era allora di tale capacità che, rifornito di munizioni e viveri, poteva sostenere per un mese e mezzo ben trenta compagnie di soldati.



Inizialmente gli alcamesi videro nel Castello chiaramontano il baluardo della loro difesa e il simbolo di accresciuto prestigio, ma ben presto si accorsero che esso rappresentava anche il simbolo della loro perduta libertà. Per cinque secoli, infatti, quasi ininterrottamente, sperimentarono la prepotenza dei suoi vari possessori. La storia del maniero è articolata: nel 1802 morì, senza lasciare eredi, Maria Teresa de Sylva, ultima contessa di Modica, e Alcamo passò sotto la sovranità dei Borboni. Nel 1816, il Castello, per debiti privati, fu venduto all'incanto e passò agli Stuart.

Nel 1828, per una sentenza del Tribunale Civile di Trapani, ne diventò proprietario il Comune di Alcamo. Pur rimanendo solenne per la sua mole architettonica, apparì sempre più grigio, come le sue pietre, per via degli usi impropri a cui fu sottoposto, essendo divenuto dimora esclusiva dei carcerati, lì rinchiusi per la tortura; vi si trovavano anche il locale per le sentinelle e comodi appartamenti per alloggiare ospiti di riguardo: viceré, vescovi e sovrani di passaggio, tra i quali spicca il nome dell'imperatore Carlo V, che definì Alcamo "città opulenta e gioconda".

Dopo i precedenti restauri, il Castello è stato ampiamente restaurato nel decennio 2000-2010 e oggi è sede museale, vanto della comunità locale.

Al suo interno, infatti, vi sì trovano il Museo Etnografico e l’Enoteca Storica Regionale, l’unica della Sicilia Occidentale, che permettono definitivamente, alle vecchie e nuove generazioni, di riappropriarsi e di godere della magnifica fortezza. Lo stile del Castello nella sua costruzione esterna richiama l’andamento gotico di molte chiese inglesi, con bifore e trifore e un grande rosone sormontato da un arco ogivale.

L’Enoteca regionale ne è il fiore all’occhiello e il sindaco, Domenico Surdi, ha dichiarato che rappresenta il fulcro di un progetto di sviluppo che coinvolge non solo la città, ma la provincia e il territorio, dal momento che i produttori potranno avere una casa comune, uno spazio privilegiato, perché il Castello dei Conti di Modica farà da vetrina prestigiosa per promuovere il vino e le eccellenze enogastronomiche della Sicilia.

Gli fa eco la presidente dell’Enoteca, Maria Possente, evidenziando che il vino di qualità della Sicilia ha trovato lì una nuova dimora, anche strategica, in un territorio aperto vicino ad arterie di collegamento importanti. Uno spazio, insomma, in cui produttori e cantine si sentano a casa, grazie a una struttura al servizio della crescita e dello sviluppo, ma anche di affermazione della cultura e della tradizione del vino.

Tante le manifestazioni in programma per l’imminente futuro e già svolta con successo, con incontri e degustazioni, quella organizzata per la notte di San Lorenzo, in agosto, quando la città ha aperto i suoi monumenti e gli spazi pubblici per una festa del vino e della ripresa dell’eno-turismo sui territori, gestita in sicurezza e serenità.

‘Calici di Stelle’ ha inaugurato le attività del 2021 proprio con il vino che ha fatto da cornice al nuovo progetto che ha nei produttori i principali fautori di un processo di rilancio e promozione del turismo enogastronomico dell’isola. È stato un tour enologico straordinario, per la varietà dei territori di produzione e dei vitigni, tutti Born in Sicily. Un battesimo voluto dall’Associazione dei produttori - che hanno avuto affidata la struttura del Castello - impegnata con il Movimento del Turismo del Vino a realizzare un primo importante appuntamento aperto ad enonauti e winelover.

Previsto anche un punto informazioni per i produttori che vorranno associarsi all’Enoteca e diventare protagonisti del progetto che vede il vino come leva per la gastronomia e il turismo siciliani, almeno nella Sicilia occidentale, con uno stretto rapporto di collaborazione e amicizia con l’Enoteca regionale di Castiglione di Sicilia sull’Etna. Alcamo, dunque, città ponte tra Trapani e Palermo, su un territorio che esprime secoli di storia, e che è ben collegata sia con gli aeroporti di Birgi e Punta Raisi sia sull’asse autostradale.

Nella patria di Cielo d'Alcamo, noto esponente della scuola poetica siciliana di Federico II, il bellissimo Castello, da visitare con il cielo azzurro, o con il rumore ritmato della pioggia, ospita anche un’esposizione permanente dei pupi siciliani.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE