CURIOSITÀ

HomeMagazineSocietàAmbiente

Gli steli sapevano di limone: alzi la mano chi non ha mai succhiato una campanella gialla

I suoi soprannomi sono tantissimi da "pisciacane" a "aredduci", da piccoli li ciucciavamo tutti in campagna e questi fiori hanno anche tante proprietà benefiche

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 29 febbraio 2020

Fiordi di Acetosella gialla

«Ogni tanto mangio un fiore, lo confondo col tuo amore, com'è bella la natura e com'è bello il tuo cuore», cantava Fabio Concato in una sua celebre canzone. Prima della trovata dei fiori edibili che sono in vetta alle classifiche delle nuove tendenze per quanto riguarda il mondo del food, nella nostra memoria ci sono le campanelle gialle di cui si succhiava lo stelo, perché - si diveva - sapesse di limone.

Alzi la mano chi non ha mai succhiato lo stelo di una acetosella da piccolo e magari anche adesso quando si fa una scampagnata in campagna. Sono tantissimi i nomignoli e i soprannomi che si sono dati a questo fiorellino spontaneo (e infestante) di cui la campagna siciliana, ma anche nel resto d'Italia, si riempie già nei mesi che precedono la primavera.

In primis c'è chi lo conosce come "Pisciacane", forse perché da piccoli era assolutamente vietato ciucciarsi quelli ai bordi delle strade perché per l'appunto, i cani potevano farci la pipì sopra, ma erano anche pieni di polvere, pena qualche tirata d'orecchie da parte dei genitori. Ma in realtà il "Pisciacane" è il tarassaco, che appartenente alla famiglia delle Asteracee.

È una pianta officinale, che, malgrado il suo infelice soprannome, ha virtù medicamentose, note fin dall'antichità e sfruttate con l'utilizzo delle sue radici e foglie. Al tarassaco vengono ascritte proprietà digestive, coleretiche, depurative e diuretiche.

Anche la nostra Acetosella gialla (anche detti, oltre a Pisciacane: Aredduci, oppure Agrodolci, Calacitu o Agredduci) anche detta Aredduci ha delle proprietà officinali: in erboristeria le foglie e le radici di acetosella gialla vengono usate in decotti per il loro potere rinfrescante, diuretico, astringente ed antiscorbuto. Il succo delle foglie centrifugate è utile per bruciori di stomaco ed ulcere.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI