ARTE

HomeMagazineCultura

I quadri di Modigliani rivivono dopo cento anni grazie ad un fotografo palermitano

"Dedographia" è il progetto del fotografo palermitano Alberto Alicata che si ispira ai ritratti femminili realizzati da Amedeo Modigliani tra il 1916 e il 1920

Giuliana Imburgia
Giurista e fashion addicted
  • 11 febbraio 2019

Dedographia (foto di Alberto Alicata)

Volti stilizzati e colli affusolati, proprio come nelle opere del pittore Amedeo Modigliani. Ad un secolo di distanza, il giovane fotografo siciliano Alberto Alicata, nato a Palermo classe 1983, lavora alla realizzazione del progetto fotografico intitolato "Dedographia", con l’intento di riprodurre in chiave moderna i celebri ritratti femminili dipinti dal Modigliani tra il 1916 e il 1920.

«Ho cominciato ad approcciarmi a Modigliani oltre un anno fa - racconta Alberto – ho studiato ed ho letto tantissimo per cercare di conoscere sia il background del pittore sia la ragione della sua arte. Solo dopo ho cominciato a scattare con l’intento di far rivivere i quadri di Modigliani, dando loro però una chiave moderna ed utilizzando gli strumenti e le tecnologie dei nostri tempi».

Anche il nome del progetto "Dedographia" è un omaggio al pittore livornese, che infatti veniva affettuosamente chiamato dagli amici anche Modì o Dedo (da qui Dedographia).

«Ho scelto il nome "Dedograhia" perché volevo qualcosa che accorpasse l’arte di Modigliani, anche detto Dedo, alla fotografia». Otto sono le tele firmate da Modigliani alle quali Alberto si è ispirato per realizzare il suo progetto: Lolotte e Ritratto di Margherita (anno 1916), Ritratto di Donna con cravatta nera e Donna con i capelli rossi (anno 1917), Jeanne Hebuterne con cappello (anno 1918), Ritratto frontale di Jeanne e Ritratto di Lunia Czechowska (anno 1919).

L’esperimento di Alberto, in sostanza, intende riprodurre con la fotografica lo stile delle tele del celebre pittore, famoso per ritrarre figure femminili con lunghi colli affusolati.

«Il mio obiettivo - spiega Alberto – è stato quello di provare a realizzare le stesse opere che, 100 anni fa, Modigliani ha dipinto, provando ad interpretare come il pittore le avrebbe fatte se solo fosse vissuto ai miei tempi. In partica, ho lavorato immaginando come sarebbero stati i suoi ritratti se fossero stati concepiti da Modigliani in questa epoca semplicemente con l’ausilio delle più moderne tecnologie».

Gli scatti di Alberto, che sono stati anche esposti a Milano alla fiera di arte contemporanea Affordable Art Fair, riproducono fedelmente lo stile Modigliani, oltre che per la scelta dei soggetti femminili, fisionomicamente simili alle modelle ritratte del pittore, anche perché la stampa di ciascuna fotografia rispetta lo stesso identico formato del taglio delle tele di Modigliani.

«I miei scatti sono tutti realizzati a Palermo - continua - e le ragazze che ho fotografato non sono modelle, ma sono tutte ragazze palermitane, ragazze comuni che mi capitava anche semplicemente di incrociare per strada».

«La serie è ancora in fase di realizzazione. Attualmente sono a quota 7 fotografie già edite ma conto, nel breve periodo, di chiudere il mio progetto con altre 3 fotografie ancora inedite» conclude il fotografo.

articoli recenti