ATTUALITÀ

HomeMagazineSocietàAttualità

L'abbraccio di Palermo all'Ucraina: come fare (e cosa serve) per aiutare chi fugge dalla guerra

Il cuore dei palermitani è grande, si sa. Dalla raccolta di farmaci all'accoglienza di famiglie in fuga dalla guerra: a chi rivolgersi per aiutare i profughi ucraini

Balarm
La redazione
  • 8 marzo 2022

Volontari della Croce Rossa Italiana

Una catena di solidarietà senza confini. Dalle associazioni religiose e di volontariato ai gruppi nati spontaneamente, in tanti si stanno dando da fare in Sicilia per aiutare la popolazione ucraina. Dalla raccolta di farmaci, cibo e altri beni di prima necessità da spedire in Ucraina, all'accoglienza di famiglie in fuga dalla guerra. Il cuore dei siciliani è grande, si sa. E le iniziative benefiche si moltiplicano di giorno in giorno.

"Se ognuno fa qualcosa, si può fare molto", diceva Padre Pino Puglisi. Così per chiunque voglia dare un contributo, anche piccolo, alle famiglie profughe abbiamo raccolto alcune delle iniziative solidali attive sul territorio.

Raccolta fondi - Caritas

La Caritas Diocesana di Palermo, aderisce alla campagna di raccolta fondi indetta da Caritas Italiana a supporto delle attività di Caritas Ucraina e delle Caritas limitrofe per fare fronte ai bisogni immediati delle popolazioni vittime del conflitto e restando accanto alla popolazione. "In questa fase è importante non disperdere le azioni ma seguire le indicazioni in base all’evoluzione della situazione".
Si può partecipare, contribuendo tramite un bonifico al Conto Corrente Bancario o Bonifico con causale “Europa/Ucraina” Conto Corrente Postale n° 11297900, intestato a: Caritas Diocesana di Palermo, Piazza Santa Chiara, 10 – 90134 Palermo.
Adv
Oppure, tramite bonifico bancario intestato a: ARCIDIOCESI DI PALERMO – CARITAS DIOCESANA. Codice IBAN n. IT41W0306909606100000125153; Filiale: BANCA PROSSIMA.
PER LE DONAZIONI DALL’ESTERO BIC: BCITITMX

«Non sappiamo ancora se sarà richiesto alla nostra Diocesi di ospitare la popolazione ucraina - spiegano da Caritas Palermo -. Desideriamo tuttavia avviare la raccolta di eventuali disponibilità da parte di parrocchie e privati che desiderano partecipare ad un eventuale accoglienza. Eventuali disponibilità potranno essere segnalate tramite invio di email a segreteria@caritaspalermo.it».

Accoglienza profughi ucraini - Comune di Palermo

Il Comune di Palermo ha attivato l'indirizzo mail aiutiucraina@comune.palermo.it, dedicato alla situazione ucraina per accompagnare e facilitare le pratiche di ricongiungimenti e mettere in collegamento i profughi con le associazioni del terzo settore e con privati cittadini che, in alcuni casi, hanno già espresso ed intendono dare la loro disponibilità per accoglierli. aiutiucraina@comune.palermo.it


Accoglienza e raccolta beni di prima necessità - Frati Minori di Sicilia

I Frati Minori di Sicilia hanno aperto le porte dei loro conventi. Nei giorni scorsi sono stati accolti due nuclei familiari nel Convento della Gancia di Palermo e in quello di Baida.

Intanto è partita una raccolta per donare beni di prima necessità. È già possibile contribuire con lenzuola (singole o matrimoniali), coperte, piumoni (singoli o matrimoniali), cuscini, copricuscini e coprimaterassi (singoli), asciugamani e teli bagno, pigiami uomo e donna, materiale per l’igiene personale (bagnoschiuma, shampoo, detergente intimo, saponette, detergente mani, fono per capelli).

Il materiale, che dovrà essere nuovo o in ottime condizioni, potrà essere consegnato presso il Convento di Terra Santa di Palermo, ingresso da Via Salinas, solo nei giorni dal lunedì al giovedì dalle ore 09.30 alle ore 13.00.

C’è anche la possibilità, per quanti lo desiderassero, di contribuire con una donazione in denaro.

• Direttamente ai frati dei conventi più vicini a voi che provvederanno poi secondo le emergenze delle varie realtà locali;
• tramite bonifico bancario alla nostra Provincia sul conto corrente intestato a “Provincia di Val Mazara L’Immacolata dei frati Minori” causale “emergenza accoglienza Ucraina” IBAN IT 32 I 02008 04615 000105987816 Codice BIC SWIFT UNCRITM1I60
• con una donazione (deducibile/detraibile fiscalmente) tramite bonifico bancario alla nostra Onlus sul conto corrente intestato a intestato a “Frate Gabriele Allegra dei Frati Minori Francescani di Sicilia” causale “emergenza accoglienza Ucraina” IBAN IT 44 S 02008 04615 000300700494 Codice BIC SWIFT UNCRITM1I60.

Raccolta di farmaci e materiale sanitario - Comunità Sant'Egidio

La Comunità Sant'Egidio ha attivato punti di raccolta per farmaci, materiale sanitario e generi per l'infanzia (pannolini, salviettine imbevute, gel igienizzanti, mascherine chirurgiche e FFP2) da inviare in Ucraina.

Ecco l'elenco dettagliato dei farmaci utili:
Qualsiasi materiale per medicazioni (bende, bende gessate, garza, ovatta)Antidolorifici (deksalgin, paracetamolo 100 ml, analgin)
Antibiotici in compresse e in fiale (Ceftriakson, metronidazol, levofoksacin)
Sistemi di infusione interna, soluzioni per infusione (soda bufer, gecadez 400 ml, soluzione fisiologica 400 ml)
Alcool, acido tramexanico, Decinon, etamzilato in ampolle. (Deksametazone, metazone, atropina, adrenalina, dimedrol.)
Antipiretici
Antinfiammatori (compresi cortisonici)
Antipertensivi
Analgesici
Antinfluenzali
Antiemetici
Anticolesterolo
Antidiabetici orali
Protettori gastrici

A Palermo il punto di raccolta attivato (in cui portare i farmaci e materiale sanitario) si trova in via Maqueda, 59 – Centro Polifunzionale “Casa di Yaguine e Fodè” (ingresso da vicolo San Nicolò degli scalzi). È aperto da Lunedi al Sabato dalle 15:30 alle 19:00; Mercoledì, Venerdi e Sabato anche dalle 10:00 alle 12:00 (Tel: 091 5641023).

Attivati altri due punti anche a Messina, in via Gerobino Pilli, 97 – Centro Floribert Bwana Chui, e a Catania, in via C. Ursino 4, sede della Comunità di Sant’Egidio cittadina.


Punti di raccolta beni di prima necessità a Palermo

Sono una trentina le associazioni e parrocchie che stanno raccogliendo materiale sanitario, alimenti e farmaci da spedire in Ucraina o nei Paesi vicini in cui arrivano i profughi. I punti di raccolta sono alla Fiera del Mediterraneo, alla Parrocchia Santissimo Crocifisso in via Messina Marine e all’ambulatorio Ippocrate in via Benfratelli.

Diocesi di Cefalù

Appello all'accoglienza è stato lanciato anche dalla Diocesi di Cefalù per dare un riparo a mamme e bambini. Molte le famiglie, in tutto il territorio cefaludese e madonita, che si sono rese disponibili ad accogliere le famiglie ucraine. Chi è interessato può inviare la propria disponibilità ad accogliere compilando on line un modulo da far pervenire in Curia alla mail sosucraina@diocesidicefalu.org. Oppure, si può partecipare alla raccolta fondi utilizzando l'iban della Caritas IT86G0200843260000103128488 (causale SOS UCRAINA).


Raccolta fondi straordinaria di Croce Rossa Italiana

Campagna di raccolta fondi straordinaria con numero solidale 45525 lanciata da Croce Rossa Italiana, UNHCR e UNICEF. Le tre organizzazioni umanitarie, da tempo operative in Ucraina e nei Paesi limitrofi, hanno deciso di unire gli sforzi per raccogliere fondi necessari per la sopravvivenza delle persone colpite e in fuga dalle ostilità e garantire loro una rapida ed efficace assistenza umanitaria.

È possibile donare tramite bonifico bancario:
Beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana ODV
Banca: Unicredit SPA
IBAN: IT93H0200803284000105889169
BIC SWIFT: UNCRITM1RNP
Causale:EMERGENZA UCRAINA

Oppure è possibile fare una donazione direttamente sul sito di Croce Rossa Italiana.

Comitato Salva Ucraini a Palermo

È nato anche un nuovo comitato, “Salva Ucraini”, creato per offrire il proprio supporto ai profughi ospiti di Palermo. Il comitato è disponibile su Telegram tramite il canale “Ucraini_a_Palermo” dove è possibile chiedere tutte le informazioni necessarie. Sulla pagina Facebook, il comitato ha lanciato un appello per trovare volontarii che parlano russo/ucraino-italiano a Palermo.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE