NUOVI SPAZI

HomeMagazineCulturaLuoghi

La memoria che vive: a Palermo nasce un archivio dedicato al giornalista Salvo Licata

Raccontò Palermo in modo semplice e poetico, un modo unico il suo, che fece da apripista ad una intera generazione di registi, scrittori e poeti che hanno amato la città

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 9 gennaio 2020

Il giornale L'Ora

A vent'anni dalla sua morte - finalmente - la figlia Costanza ottiene dal Comune di Palermo uno spazio per creare un archivio con tutti i suoi scritti. Salvo Licata fu un giornalista e uno sceneggiatore teatrale che raccontò Palermo in modo semplice e poetico, un modo unico il suo, che fece da apripista ad una intera generazione di registi, attori, scrittori e poeti, come Luigi Burruano a Giorgio Li Bassi.

Da diversi anni la figlia del giornalista, che tiene sempre viva la memoria del padre portando sul palco i suoi spettacoli insieme a Salvo Piparo, aspettava dal Comune - su una proposta fatta proprio dal sindaco Orlando - uno spazio dove potere raccogliere, conservare e mettere a disposizione di tutti, il vasto archivio di casa Licata.

«Ci saranno i suoi articoli, i suoi libri, i suoi copioni teatrali, ma anche i fogli con i suoi appunti - racconta il cuntista Salvo Piparo - ma anche le sue foto. Lo spazio è stato affidato all'associaizone Kleis di cui facciamo parte sia io che Costanza.



Dopo tanto tempo finalmente avremo uno spazio dove potere raccontare chi era Salvo e dove potere mettere tutto il suo bagaglio culturale importantissimo. In questi venti anni dalla sua morte sono stati molti gli studenti universitari che hanno chiesto materiale su Salvo per le loro tesi, e sono venuti fuori scritti molto belli. Vogliamo che la città non perda la memoria e a chi serva possa venire qui a cercare opere e canovacci di Salvo».

Lo spazio designato è il ridotto del cinema De Seta ai Cantieri Culturali della Zisa, l'associaizone Kleis farà un investimento per sistemare gli spazi e adibirli ad archivio con uno spazio dedicato allo studio e anche un piccolo teatro dove potere organizzare reading o «semplicemente dove potere raccontare chi era Salvo Licata, continua Piparo.

Giorno 1 aprile sarà l'anniversario della morte, saranno vent'anni, sarebbe bello inaugurare lo spazio quel giorno, ma per poterlo fare dovrebbero consegnarci le chiavi adesso. Speriamo che la lenta burocrazia di questa città non faccia sfumare questa importante opportunità per ricordare un illustre cittadino come lui».

Salvo Licata lavorò per il quotidiano l'Ora nella stessa stanza con Michele Perriera e Mauro De Mauro nel periodo degli anni delle guerre di mafia in città, quando i morti ammazzati erano all'ordine del giorno.

Amava raccontare le borgate e la gente del popolo. Era un antropologo senza esserlo, andava nei quartieri a raccogliere storie che scriveva per il giornale l'Ora che dopo ancora diventavano personaggi per il suo teatro. Quando l'Ora chiuse passò al Giornale di Sicilia e anche qui trovò una sua identità, si occupava di cronaca nera ma anche di cultura.

ARTICOLI RECENTI