SPORT

HomeMagazineSport

La Sicilia conquista l'oro di nuoto in acque gelide: Marco è il più veloce sotto lo zero

Il siciliano Marco Gugliuzza è stato eletto il nuotatore più veloce durante la "Ice Swimming" in Germania: una versione decisamente estrema del classico nuoto

  • 6 marzo 2020

Marco Gugliuzza, medaglia d’oro di nuoto in acque gelide

Sventola sorridente la bandiera tricolore con i piedi immersi nella neve e addosso solo un costume da nuoto, mentre attorno a lui la temperatura esterna è sotto lo zero.

Si chiama Marco Gugliuzza, ha 25 anni, è originario di Cefalù, è laureato in Scienze Motorie e dallo scorso febbraio è anche medaglia d’oro di nuoto in acque gelide.

Ice Swimming, così è conosciuto questo sport che è una versione decisamente estrema del classico nuoto: la gara si è svolta in Germania, all’interno delle acque congelate di un lago che si trova in prossimità di Hermsdorf-Erzgebirge, un paesino vicino Dresda al confine con la Repubblica Ceca.

«​È stata una grossa sfida, sia psicologica che fisica - dice Marco - perché nonostante mi fossi allenato in piscina e nuotando a mare d’inverno, la temperatura dell’acqua non è mai scesa sotto gli 8 gradi mentre quella del lago sfiorava circa 1 o 2 gradi».



Marco nella vita è un insegnante di educazione fisica a scuola e un istruttore di nuoto, e anche un ex nuotatore agonista e triatleta che però affrontava per la prima volta in assoluto l'esperienza di nuotare gareggiando in acque gelide.

«Era a prima volta in assoluto per me che nuotavo in acque così fredde tanto è vero che ho avuto anche qualche piccola difficoltà nel coordinamento con la respirazione, anche se in questi casi è l’adrenalina che ti aiuta a combattere il freddo e la sensazione di intorpidimento dei muscoli».

In totale erano 70 gli atleti in gara, provenienti da 8 paesi del mondo (Germania, Italia, Paesi Bassi, Argentina, Polonia, Austria, Repubblica Ceca), che si sono sfidati nelle corsie d’acqua gelata, per una lunghezza di 25 metri, create appositamente dopo aver rotto la patina di ghiaccio che si era creata a copertura del lago per le rigide temperature.

Niente muta, ovviamente, per gli atleti in gara che hanno nuotato tutti solo il classico costumino da nuotatore agonista e gli occhialini. Marco è arrivato primo, conquistando l’oro, nella categoria 16-29 anni dello stile "50 metri delfino", ma non solo perchè avendo registrato un tempo di 29 secondi e 16 centesimi è stato anche premiato anche come il più veloce nuotatore in assoluto della gara.

«Ovviamente tutto è stato organizzato con la massima attenzione a qualsiasi evenienza, ogni atleta all’uscita dall’acqua ghiacciata veniva accompagnato all’interno delle vere e proprie tende-gazebo, montate ad hoc, riscaldate a temperatura crescente - continua Marco.

Per consentire un acclimamento naturale, prima si entrava nella tenda che registrata una temperatura che variava dai 10 ai 15 gradi, poi si passava ad un’altra tenda con 20-25 gradi e all’ultimo si finiva in una sauna acquatica che era vasca in legno con acqua calda tra 40 e i 45 gradi».

Un'altra particolarità di questa manifestazione sportiva è che tutte le premiazioni sono state fatte in pieno stile green ed ecologico, consegnato agli atleti in podio delle medaglie di legno realizzate dal taglio trasversale delle sezioni dei tronchi poi marchiate poi la categoria di riferimento.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI