STORIE

HomeMagazineLifestyleStorie

La sua danza si ispira (anche) alla serie Bridgerton: una coreografa "storica" a Mazara del Vallo

Carla Favata, direttrice della Compagnia Internazionale di Danza Storica, ci racconta questa particolare disciplina che la porta a calcare i palcoscenici in giro per il mondo

Jana Cardinale
Giornalista
  • 10 aprile 2021

Carla Favata

Direttrice artistica, coreografa, regista, art director, dirige la Compagnia Internazionale di Danza Storica Harmonia Suave e la Dance Works.

Tiene seminari e stage di danze storiche in diverse città italiane ed estere: Parigi, Palermo, Napoli, Milano, Mazara del Vallo, Campobello di Licata, Catania, Siracusa, e dal 1986 ad oggi si è specializzata in danze e ricostruzioni coreografiche con i maggiori studiosi del settore in Italia, Francia, Svezia e Danimarca.

La mazarese Carla Favata vive di danza, e con la danza sogna, crea, racconta. Perché, come recita un aforisma di Baum, «Ci sono delle scorciatoie per la felicità, e la danza è una di queste».

In attesa della vera ripartenza, del dopo pandemia, la si può trovare la domenica pomeriggio, con le sue lezioni di danza storica in presenza, all’aperto e in sicurezza, nella magica cornice di Villa Pantelleria a Palermo, mentre finora aveva fatto ricorso al web con delle lezioni on line per non interrompere il contatto con i suoi allievi.



Ballerina di formazione classica, si è diplomata e specializzata nello studio della danza classica, contemporanea, storica, rinascimentale, barocca e ottocentesca di Primo e Secondo Impero.

Tra i suoi più cari ricordi, c’è la partecipazione di Harmonia Suave al Grand Bal Venetien de Paris del 2013 organizzato dalla baronessa Maria-Elena De Saint Didier, e dall’Oeuvre des Saint Anges. Quest’anno il Bal Imperial è in programma al Grand Hotel Intercontinental di Parigi, il prossimo 16 ottobre.

Dal 2006 Carla è docente di Storia del teatro e della danza presso il Liceo Classico e Scientifico ‘Adria Ballatore’ di Mazara del Vallo, e svolge attività di insegnamento e di ricerca nel campo della danza storica tenendo laboratori, corsi e progetti presso Istituti scolastici statali di ogni ordine e grado per bambini e adulti in collaborazione con Comuni, Enti, associazioni e scuole di danza.

Ha diretto spettacoli di danze storiche in Thailandia per l’Ambasciata Italiana a Bangkok e per la Principessa MahaChakri Sirindhorn. Per la produzione de La Petit Reine ha partecipato al film a Parigi «Ils Sont Partout» come attrice/ballerina di danze storiche.

È stata ospite della trasmissione televisiva ‘Paperissima Sprint’ su Canale 5 per l’intera stagione estiva dedicata al Gattopardo e ha preso parte a diverse altre trasmissioni su canali nazionali: Linea Blu, Detto Fatto, Buongiorno Regione, Costume e Società e I fatti vostri.

Carla ha curato la regia di eventi internazionali, tra cui quella della Cerimonia Inaugurale dei Mondiali di Tiro al Volo e quella della Cerimonia Inaugurale del Blue Sea Land di Mazara del Vallo, l’Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente.

Sua anche la regia dell’Alba del Gattopardo al Teatro Greco di Segesta per il Festival Dionisiache, mentre ha tenuto tutti gli anni laboratori intensivi di danze antiche e storiche nello stesso Festival, anche in collaborazione con Feltrinelli; ha ideato, ed è stata Maitre a de danse, del Ballo delle Nazioni alla Reggia di Caserta per l’Associazione ‘Borboni si nasce’ e in Sicilia organizza, con la sua Compagnia Internazionale di danza storica “Le Grand Bal du Guépard”, evento che ospita danzatori e appassionati di danze storiche provenienti da tutto il mondo.

Collabora con i maggiori esponenti di danze storiche a livello nazionale e internazionale e ha organizzato, per la prima volta in Italia, un Campionato Interregionale di danze storiche, con finale nazionale a Parigi nel giugno 2019, in collaborazione con Carnet de Bal Paris, Harmonia Suave, Aem danza e Venezia 800.

In occasione del Carnevale di Venezia, poco prima del lockdown nazionale, è stata maitre de danse del Gran Ballo ottocentesco sul Regno delle Due Sicilie denominato “Ritorno a Napoli”, presso il Grand Hotel Monaco Canal Grande, danzando per “Il volo dell’Aquila” sul palco di piazza San Marco nella giornata conclusiva del Carnevale di Venezia, andato in onda su tutte le reti Rai.

Il suo auspicio è che con il vaccino per il Covid, finalmente possa ripartire il percorso di danza storica che stava portando avanti e che comunque, dopo il successo del Corso di danze Regency ispirato alla serie televisiva ‘Bridgerton’, su Netflix, è tornata con una nuova edizione online.

Dal 6 aprile è iniziato un nuovo corso di danze Regency che, in attesa dei nuovi dpcm, resterà attivo anche alla ripresa delle lezioni in presenza, per tutti coloro che a causa della distanza non potranno seguirlo.

Nel nuovo corso on line verranno proposte alcune coreografie tra le più belle e amate, tratte da manuali e film d’epoca Regency che si ritroveranno nei carnet e nei balli di Primo Impero.

«Di ogni danza sarà citata la fonte – racconta Carla -. Dalla London Season ad Almack’s, e ci saranno curiosità e mode del periodo della Reggenza; un tuffo nell’epoca rosa e romantica che ci aprirà ai Gran Balli della Nuova Stagione. I corsi si tengono su piattaforma Google Meet”.

L’importante, per il momento, è non arrendersi, e non fermare il fluire dell’arte: ‘Don’t Stop Dancing’, è il grido accorato che accomuna i suoi allievi, chi è stanco e ha voglia di tornare a respirare il proprio sudore.

«Non ci fermiamo comunque «nell’organizzazione degli eventi – dice Carla – e con L’Orchestra Barocca Siciliana c’è in programma un concerto straordinario il 23 luglio al Chiostro del Convento dei Cappuccini di Siracusa. Si tratta de ‘La Danse du Roi Soleil’, con cui ci auguriamo di proseguire senza più fermarci in preda alle limitazioni imposte dalla pandemia».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI