MOBILITÀ

HomeMagazineTerritorio

Amat di Palermo: un'app per conoscere i tempi di attesa

Una novità importante per la mobilità urbana di Palermo: nasce l'applicazione per stimare i tempi di attesa degli autobus creata per la prima volta al mondo da Moovit

  • 15 dicembre 2016

Il capitolo sulla mobilità della città di Palermo si amplia di nuove pagine: una novità firmata dal Comune, Moovit e Amat Palermo con l'arrivo del "Real Time" sugli autobus in servizio a Palermo, ovvero la possibilità di conoscere in tempo reale i tempi di attesa del bus, pianificare spostamenti, avere informazioni.

Si tratta di un'applicazione ad uso dell'azienda Amat che, condividendo la posizione del bus in esercizio, è in grado di fornire agli utenti l’orario esatto di arrivo del mezzo di trasporto.

Il servizio, lanciato in questi giorni in via sperimentale, è già attivo sulle linee 101, 102 e 109, le Navette gratuite Centro Storico ed Express, istituite per agevolare gli spostamenti all'interno della Zona a traffico limitato e dal parcheggio Basile a piazza Indipendenza. Una volta terminata la fase sperimentale, sarà attivato sul resto della flotta Amat.

Sviluppata da Moovit per la prima volta al mondo, con la collaborazione di Amat Palermo S.p.A., la nuova app consente di trasmettere tramite un apposito sistema dotato di gps e collegamento dati a bordo dell’autobus, la posizione esatta del mezzo, in modo da rendere noto agli utenti Moovit il tempo reale di arrivo dell’autobus alla fermata.

Una novità che permetterà di sfatare o confermare il mito delle lunghe attese dei palermitani e un possibile incentivo, per la stessa azienda Amat, a rispettare i tempi previsti, ad essere quindi più fiscali sugli orari.

Nel frattempo, facendo una stima dell'anno quasi terminato, l'Amat ha registrato un record di vendite dei biglietti per gli autobus. Sembra che, proprio grazie alle detestatissime e contestate Ztl, il numero dei cittadini che decidono di prendere il mezzo pubblico sia notevolmente aumentato.

Sarà che pur di non pagare la tassa della Ztl, sarà forse una forma di ribellione al provvedimento del Comune, sarà per una forma di convenienza, sta di fatto che l'obiettivo dell'Amministrazione sembra in parte essere raggiunto: limitare il traffico del centro storico, ha "costretto" il palermitano a prendere in considerazione l'alternativa del bus lasciando l'auto a casa.

Non solo, dall'analisi fatta sembra che chi ha scelto di pagare l'abbonamento Amat (gli abbonamenti mensili sono, infatti, in crescita), cerchi di sfruttarlo al massimo anche per muoversi nel resto della città. Inoltre, per parlare di novità, sui bus 101 e sulla linea 1 del tram saranno a bordo i vigilantes della Ksm per invitare i palermitani a obliterare i biglietti.

articoli recenti