Il concerto

HomeMagazineCulturaMusica

Miss Fräulein, lo stoner rock conquista l’Ex Carcere

Balarm
La redazione
  • 17 febbraio 2005

Lo stoner rock è il loro massimo comune denominatore, un po’ alla Queens of the Stoneage per intenderci. Sono i cosentini Miss Fräulein (Giulio Ancora, voce; Francesco De Napoli, batteria; Aldo D'Orrico, chitarra, armonica; Alex Mazzotta, chitarra; Silvio Perri, basso), che sabato 19 febbraio alle 22.30 saliranno sul palco del Centro sociale Ex Carcere di Palermo (via mongitore 77, ingresso 3 euro). Provengono da realtà diverse del panorama musicale del Sud Italia: Aldo D'Orrico e Francesco De Napoli costituivano, appunto, il nucleo restante dei disciolti Diastasia, gruppo Thrash Metal molto apprezzato dagli amanti del genere in tutt' Italia alla fine degli anni '90 con all'attivo diversi demotape e un CD; Anthony William Calabrese inizia a suonare con loro "abbandonando volentieri la chitarra, strumento suonato per oltre 14 anni" dopo una "lunga pausa di riflessione" nella quale ha registrato 2 CD autoprodotti con lo pseudonimo Tokyosan; Alessandro Mazzotta si unisce al neonato gruppo anch'egli dopo un periodo di pausa in seguito al distaccamento da un altro gruppo, Ustika; Giulio Ancora, proveniente da diverse formazioni musicali della scena musicale di Taranto, tra le quali Duff, entra a far parte del gruppo dopo aver assistito a qualche prova.

Dopo due mesi ancora come Diastasia, la band decide di cambiare nome, ormai troppo legato al passato, nascono così nel dicembre 2001 i Miss Fräulein. Accomunati dalla passione per band come Kyuss, Queens Of The Stone Age e Tool, i componenti del gruppo ascoltano e apprezzano musica diversa che spazia dal Rock anni '60 e '70 al Punk, dalla New Wave al Dark, dal Grunge al Post-Rock, dall'Elettronica al Death Metal. Queste diverse attitudini e provenienze musicali donano alla musica dei Miss Fräulein un alone di non definibile inizialmente contrassegnato da una forte impronta Stoner Rock, trasformata in una fusione di stili e tecniche musicali diverse, un'eterogeneità non dissociante che è forse la caratteristica positiva principale della loro musica. Chitarre dalla distorsione a tratti sporca ma dinamicamente precise, il basso dal suono alieno e tagliente che sposa un drumming martellante ma mai fastidioso o annoiante, una voce che sembra rubata da dischi incisi in un'altra epoca, testi intimistici e profondi che a volte sanno sfiorare l'ironico. Nell'ottobre 2002 i Miss Fräulein realizzano il loro primo demo, omonimo, contenente tre brani in studio e due live. La loro attività live inoltre sta diventando sempre più frequente, ma sicuramente l'esperienza più significativa è derivata dall'essere stati scelti come gruppo spalla da Danko Jones, trio canadese per il quale hanno aperto i concerti nelle 4 date italiane del tour europeo all'inizio di novembre del 2002, un'esperienza "indimenticabile non solo dal punto di vista musicale ma soprattutto da quello umano" ha dichiarato di comune accordo il gruppo.

Nell'estate 2003 il gruppo ritorna in studio e in ottobre esce il cd Aprofessionaldinnerout contenente otto pezzi. Ad esso seguiranno diversi concerti e la partecipazione a qualche concorso musicale tra i quali Universound del 2003 nel quale il quintetto si è classificato al primo posto ed ha inoltre vinto il Premio Originalità e la finale regionale del concorso Arezzo Wave 2003. Nel febbraio 2004 la band autoproduce il video di "A true story", brano estratto da "aprofessionaldinnerout" e nell'aprile dello stesso anno la line up cambia e al basso succede Silvio Perri, già attivo nel panorama musicale cosentino con il gruppo Sien, seguono tanti concerti (anche con Sun Eats Hours, Caparezza e altri). Per Marzo/Aprile 2005 le signorine ritorneranno in studio con Fabio Magistrali...

articoli recenti