TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

“Opera pupe”, visioni e suggestioni secondo Battiato

Maria Teresa de Sanctis
Attrice, regista teatrale e scrittrice
  • 15 aprile 2004

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Fra visioni e suggestioni la ricerca dell’essenza dell’attore (o della vita …): il nuovo spettacolo presentato dalla rassegna “Assud” del Circuito Regionale Siciliano è “Opera pupe”, in scena il 15 e 16 aprile ore 21.15 a Palazzo Belmonte Riso di Palermo (corso Vittorio Emanuele 361) con Lucia Sardo da un’idea (che è anche a tratti regia) di Franco Battiato (biglietto intero 8 euro, informazioni e prenotazioni al numero 091.347543 ). Uno spettacolo ricco di visioni e suggestioni create insieme a Miriam Palma da un’idea che è anche incoraggiamento (e in parte regia) di Franco Battiato.

Una lezione di teatro o forse di vita … ma cos’è l’attore se non qualcuno che a teatro fa prove di vita? E il recitare non è forse in tutti i luoghi, così come nel teatro anche nella vita? Forse l’attore deve risalire a ritroso la china per ritrovare la sua essenza o forse è più interessante vivere, fare l’amore ridere, che diventare primi attori … forse! In un insieme di visioni e suggestioni con un sottofondo di bande, funerali, scatti d’ira, vampate di calore e di pigrizia, l’autore si sostituisce all’opera, il contenente al contenuto e insomma, con riverenza ci si espone!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE