DANZA

HomeMagazineCulturaTeatro

Passioni parallele al Libero

“Parallel passions” rappresenta un modo nuovo di raccontare il tema dell’amore

Balarm
La redazione
  • 21 ottobre 2003

Parallel Passions” debutta martedì 21 alle 21.15 al Teatro Libero di piazza Marina, e resterà in scena fino a sabato 25, per la trentaseiesima stagione internazionale di teatro, danza e musica. Le coreografie dello spettacolo di danza classica indiana sono curate da Mavin Khoo, uno dei maggiori interpreti della danza in Gran Bretagna e che è riuscito ad amalgamare insieme la danza contemporanea con quella tradizionale indiana.
“Parallel passions” rappresenta un modo nuovo di raccontare il tema dell’amore declinato su  diversi piani ed articolato in cinque momenti: da quello romantico all’erotico, passando per l’amore verso se stessi e verso gli dei antichi.

Il cast segue le direttive del maestro Namron Yarrum, danza sulle musiche di Bach, Jayadeva e Handel ed è composto da Sheena Chundee, Anthony Kurt, Benny Maslov, Seeta Patel e dallo stesso coreografo Mavin Khoo. Ogni momento dello spettacolo ha un nome: Gemini introduce gli stili paralleli tra danza classica ed indiana;  Obsessing in line, è un balletto a due; Ashtapadi, in cui Mavin Khoo rientra per un assolo e danza avvolto da una luce blu ed interpreta il bharata natyam, dedicando la danza al dio Krishna. Nella seconda parte dello spettacolo, commissionato per la Royal Opera House London, la coreografia Images in varnan invece è ispirata ad un poema d’amore medioevale.

Il biglietto per assistere allo spettacolo costa 10 euro (intero) e 7 per i giovani, mentre venerdì e sabato costa 12 euro ed 8 il ridotto. Gli studenti e gli appassionati di balletto potranno incontrare il coreografo mercoledì 15 alle 15.30 sempre al Teatro Libero, in occasione del progetto “Il regista artefice”.

ARTICOLI RECENTI