MOBILITÀ

HomeMagazineSocietà

Traffic Index: Palermo capitale italiana del traffico nel 2016

Secondo il "Tom Tom Traffic Index", Palermo è la città più trafficata d'Italia: i palermitani trascorrono più tempo alla guida rispetto a milanesi, romani e napoletani

Nicoletta Fersini
Giornalista e fotografa
  • 27 febbraio 2017

«La terza e più grave delle piaghe che diffama la Sicilia, e in particolare Palermo...è il traffico!»: proverbiale fu il grande schermo. Infatti, secondo il "Tom Tom Traffic Index", il capoluogo siciliano è la città più congestionata d'Italia nel 2016.

La battuta di "Johnny Stecchino", film di Roberto Benigni risalente al 1991, non è poi così lontana dalla realtà: a distanza di più di vent'anni uno dei problemi di Palermo è davvero il traffico: «un traffico tentacolare, vorticoso, che ci impedisce di vivere e ci fa nemici, famiglia contro famiglia», per continuare a citare il film.

Secondo il rapporto ufficiale i palermitani trascorrono alla guida il 43% del tempo in più rispetto ad una città in condizioni di traffico regolare, raggiungendo a volte picchi del 69%, e battendo città altrettanto proverbialmente caotiche come Roma (40%), Napoli (33%) e Milano (30%).

Un dato certamente allarmante, ma non una novità: non è la prima volta che Palermo si aggiudica questo primato. A ben poco sono valsi, almeno per ora, gli sforzi fatti dall'amministrazione comunale, impegnata da mesi nella pianificazione delle linee del nuovo tram, di piste ciclabili, servizi di bike e car sharing e rinforzo dei mezzi Amat.

E se, da una parte, il "palermitano" stenta ad abbandonare il proprio mezzo a favore di trasporti "alternativi", creando doppie, triple e quadruple file e prodigandosi in una guida a dir poco "creativa", dall'altra è indubbiamente necessario che le istituzioni si impegnino su questo versante. Città europea, sì. Ma non solo sulla carta.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI