TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

Una pièce di Teatro Improvviso

Balarm
La redazione
  • 4 luglio 2005

Il 30 giugno si è concluso “Finzioni Vere, Finzioni Finte: il Laboratorio del Teatro Improvviso”, un laboratorio teatrale condotto da Piero Costa e istituito dall’ERSU, svoltosi nei locali della residenza universitaria di Palermo dal mese di dicembre. A conclusione delle attività del laboratorio (volte alla scoperta delle capacità creative e interpretative attraverso molteplici esperienze di complicità in esercizi di improvvisazione, individuale e collettiva, inclusi approcci tecnici nell’uso della voce, della mimica, del corpo, e di vari modi recitativi, esperimenti di scrittura e di eventi scenici), quale coronamento di un’esperienza pienamente riuscita, i ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa hanno preparato lo spettacolo “‘U villaggiu ra zia locca”, dramma "orizzontale" scritto e diretto da P. Costa, che andrà in scena dal 7 al 9 luglio alle 21 nel Salone degli stucchi del Pensionato Universitario ex-Hotel De France, vicolo S.’Uffizio (traversina rampa rialzo in piazza Marina, lato mare) a Palermo. Varie vicende si dipanano nel villaggiu ra zia locca, onirico e ancestrale, dove, in sospensione temporale, in assenza di poteri di controllo sui comportamenti, tutto accade per trasporto emotivo, spinta passionale, pace dell’abnegazione, soddisfazioni fisiologiche, nessuno va a caccia di privilegio sull’altro: nessuno perpetra prevaricazioni e soprusi. Ma accade che all’ignavia possa appartenere il cinismo, l’innocenza possa mutare in crudeltà, un gioco possa irretire chi lo ha concepito, si possa scivolare sul proprio bagnato.

Adv
Per non parlare di variabili e imprevisti che i personaggi non sanno fronteggiare: un villaggio incantato dove nessuno si serve di una bussola e una sorte birbona regna sovrana. In fondo, forse, quasi come in qualsiasi luogo fatto di uomini, solo che quelli del villaggio ra zia locca sono uomini “umani”: non soffrono di complessi di superiorità. Da notare come la scelta di un testo in dialetto abbia risposto ad una precisa esigenza, in quanto i partecipanti al laboratorio provengono da ogni parte dell’isola e poiché tutti si sono via via innamorati dell’eufonia generata dall’accostamento dei vari dialetti, diversi e consonanti per contiguità, è stato scelto di concludere il percorso con una pièce che si prestasse ad una trattazione in vernacolo. Ma non è secondo a ciò l’intento di evidenziare, come metafora di problematiche umane planetarie, la ricchezza che ogni peculiarità costituisce per l’insieme e il valore aggiunto che essa può trarre dalla coesistenza: “capitalizzazione”, anziché “capitolazione”, delle differenze. Gli attori sono: Antonella Di Ganci, Carla Milazzo, Chiara Pulizzotto, Daniela Caputo, Eleonora Margiotta, Francesco Ballone, Francesco Pettina, Maria Galfano, Mariagrazia Adamo, Roberto Simonte, Serena Di Noto e Tiziana Illuminato. L’ingresso allo spettacolo è libero. Causa numero limitato di posti, si consiglia di prenotare c/o Ufficio Attività Culturali c/o Pensionato Universitario S. Saverio, via G. Di Cristina 39, Palermo, ore ufficio: 9 - 14.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI