SANITÀ

HomeMagazineSaluteSanità

"Oltre la pelle" al Policlinico di Palermo: informazione, prevenzione e screening gratuito dei nei

Il melanoma è il tumore della pelle più aggressivo e anche in Sicilia il trend di incidenza annuale è in aumento significativo. Torna la campagna nazionale di Novartis

Balarm
La redazione
  • 10 marzo 2022

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Prevenzione primaria e visite periodiche di controllo dei nei e protezione della pelle dai danni causati dai raggi solari restano tra gli strumenti principali per ridurre il rischio di melanoma che è il tumore della pelle più aggressivo che negli ultimi anni ha causato un importante incremento delle nuove diagnosi.

La campagna “Oltre la pelle - La prevenzione al centro” promossa da Novartis con il patrocinio di società scientifiche e associazioni pazienti, riparte con una nuova iniziativa – “Incontriamoci” – per invitare i cittadini a ritornare con fiducia nei centri specialistici per incontrare gli esperti ed effettuare visite di controllo. A Palermo l'appuntamento è per il 18 marzo presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Paolo Giaccone.

Un’occasione per parlare, conoscere, prevenire e affrontare il melanoma insieme agli esperti del Centro, e per effettuare screening gratuiti.

Il melanoma è più frequente nelle persone al di sotto dei 50 anni di età. Negli ultimi due anni, a causa della pandemia Covid-19, gli italiani hanno trascurato la prevenzione come ha dimostrato una indagine condotta nel marzo 2021 da Doxapharma e promossa da Novartis, secondo la quale nel 2020 quasi l’80% degli intervistati non ha ritenuto importante fissare una visita per la mappatura dei nei, il 43% ha dichiarato di non aver mai fatto uno screening, e tra coloro che erano abituati a controllarsi periodicamente, la frequenza è diminuita. Solo il 7% ha pianificato nei mesi successivi un controllo dei nei.3



L’indagine ha rilevato come sia diminuita anche la quota di persone che dichiarano di conoscere bene il melanoma e quella di chi ritiene fondamentale la diagnosi precoce per aumentare le possibilità di guarigione.

L'obiettivo di questa campagna è riportare l’attenzione delle persone sull’importanza della prevenzione del melanoma, per invitare la cittadinanza a controllarsi grazie a screening gratuiti, a dialogare e confrontarsi con i clinici per conoscere, prevenire e affrontare insieme il melanoma.

La giornata prevederà un momento informativo con gli esperti del Centro per parlare dell’importanza della prevenzione primaria e secondaria e della necessità di controlli periodici. I partecipanti all’incontro informativo potranno effettuare al termine dell’evento uno screening gratuito dei nei.

Per partecipare all’incontro ed effettuare la visita gratuita è necessaria la prenotazione: tutti i dettagli sono disponibili sul sito nella sezione dedicata Parliamone insieme. Sarà possibile prenotare fino ad esaurimento posti.

Qualche informazione sul melanoma
«È un tumore maligno che origina dai melanociti, cellule della cute e delle mucose. Negli ultimi decenni - spiega la professoressa Maria Rita Bongiorno, professore Ordinario Responsabile UOC di Dermatologia e MTS AOUP Paolo Giaccone - l’epidemiologia della neoplasia ha assunto le caratteristiche dell’emergenza sanitaria, mostrando un’incidenza in crescita costante in tutto il mondo. Anche in Sicilia, il trend di incidenza annuale è in aumento significativo.

L’esposizione ai raggi UV, sia naturali che artificiali, rappresenta il più importante fattore di rischio ambientale. Il melanoma nelle sue forme più comuni tende, infatti, a essere associato a un'esposizione solare intensa e intermittente e a ustioni solari, soprattutto nei primi anni di vita. Evitare l’eccessiva esposizione al sole rappresenta il primo passo della prevenzione primaria, in particolare in Sicilia dove le condizioni atmosferiche consentono di vivere all’aria aperta per la maggior parte dell’anno. L’autovalutazione, insieme a controlli periodici dermatologici, è un elemento fondamentale della prevenzione in quanto mira alla diagnosi tempestiva di lesioni sospette».

«È importante che i cittadini sappiano che il melanoma si può curare. Prima di tutto cercando di individuare precocemente le lesioni sospette così da poter risolvere il problema con la sola chirurgia - spiega la professoressa Adriana Cordova, Professore ordinario di chirurgia plastica università degli studi di Palermo e Direttore UOC chirurgia plastica AOUP Paolo Giaccone -. L’asportazione chirurgica del melanoma è sempre indispensabile e rappresenta la prima tappa del percorso del paziente. Ma se la diagnosi è precoce e il tumore non ha caratteristiche pericolose può essere risolutiva».

«Sono comunque oggi disponibili terapie efficaci che riescono a rallentare la progressione della malattia se non addirittura a cronicizzarla – aggiunge la dottoressa Tania Rinaldi, Dirigente medico AOUP Paolo Giaccone UOC Oncologia medica –. Il nostro centro è un punto di riferimento per chi vive in Sicilia che qui può trovare un servizio di diagnostica eccellente».

«Sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione e riportare le persone ad effettuare i controlli nei centri è l’obiettivo della nostra campagna» ha concluso Luigi Boano, General Manager Novartis Oncology Italia che evidenziato come la pandemia e la generale scarsa attenzione alla salute della pelle abbiano influito negativamente sui controlli dei nei e sulla prevenzione del melanoma.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE